Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

In Sala Ratti, insegnanti e genitori riuniti per conoscere l'autismo

Tutto esaurito in sala Ratti questa mattina, 16 febbraio, per il convegno "Autismo: conoscere per capire e aiutare". L'associazione medici di Legnano, in collaborazione con il comune, ha addirittura dovuto cambiare la sede - inizialmente si era pensato a Leone da Perego - data l'alta adesione dei partecipanti. In sala c'erano insegnanti, educatori, sanitari e genitori, proprio perchè la tematica interessa i diversi ambienti che ruotano attorno ad una persona con autismo. 

Ad introdurre il convegno l'assessore ale politiche sociali Ilaria Ceroni, il presidente dell'associazione medici Cornelio Turri e il dott. Alfiero Prandoni, pediatra. Il professor Lucio Moderato, direttore dei servizi innovativi per l'autismo della Fondazione Sacra Famiglia, ha analizzato la tematica ripercorrendo il passato e pensando a come riuscire oggi ad intervenire per un futuro che punti sempre di più all'integrazione. E proprio da questo punto di vista, interessante è l'esperienza portata di Francesco Bracone, amministratore delegato di Ravensburg Italia e Spagna, che ha raccontato l'avventura di Masha, giovane autistica di 25 anni diplomata in grafica e assunta attualmente in stage: «All'inizio per noi è stata un'avventura - spiega Bracone -, ora se ci sarà possibile non ci dispiacerebbe poter assumere questa ragazza. I suoi punti di forza sono la capacità di concentrazione superiore agli altri dipendenti, il lavoro in tempi brevi e standardizzati. Tutto ciò ha comportato per noi, dal punto di vista dell'organizzazione, un'accelerazione, perché dare lavoro a Masha significa per noi essere organizzati. Anche dal punto di vista delle relazioni sociali, nonostante il panico iniziale, la giovane si è inserita positivamente».

A portare i saluti dell'ufficio scolastico provinciale la dott.ssa Laura Turotti, mentre la prof.ssa Elena Osnaghi, dirigente dell'istituto comprensivo Bonvensin Della Riva di Legnano, ha parlato dell'autismo all'interno della scuola. Proprio alle Bonvesin, polo per l'inclusione e la disabilità, è attivo oggi un ambulatorio per l'autismo. 

A raccontare infine i nuovi servizi di sistema rivolti alle persone con autismo le dottoresse Cecilia Carenzi, psicologa, e Gina Fiore, responsabile Nuovi Progetti e laboratori abilitativi Arteticamente della Fondazione Sacra Famiglia.

Nella rubrica Smart News Salute di giovedì 21 febbraio, intervista video al professor Lucio Moderato.

(Manuela Zoni)