Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Nuovo asilo di Rescalda, Casati (Lega) critico

Tante scuole, ma pochi bambini. Su questo punto, in estrema sintesi, si muove la riflessione di Ambrogio Casati, segretario della Lega di Rescaldina, riguardo la necessità di una nuova scuola dell'infanzia per la cittadina.

Secondo l'esponente del Carroccio i numeri di piccoli in età da asilo a Rescalda e Rescaldina non giustificherebbero la costruzione di una nuova scuola. «Si fa fatica a capire l'intenzione, o per meglio dire il desiderio della attuale amministrazione di costruire un edificio ex novo per le esigenze di questa fascia di cittadini - spiega Casati - Tra l'altro sacrificando anche quel poco spazio “verde” a disposizione dei bambini, da parte di una giunta/amministrazione che ogni giorno non manca di dichiararsi anti “cemento”».

E contestato, poi, anche il costo dell'opera: 2,2 milioni di euro. «Ora se l'opera  fosse indispensabile, nessuno oserebbe contestarla ma, visto – come detto e come verificabile - l'inutilità , ci dispiace sborsare 2.200.000 euro di soldi pubblici, altrimenti utilizzabili - chiude Casati -. Che l'edificio pubblico di Rescalda nel quale attualmente è insediata la scuola materna possa aver bisogno di ristrutturazione o adeguamenti strutturali nessuno lo contesta, ma da li ad una nuova costruzione il passo è veramente troppo lungo».

(Chiara Lazzati)