Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Nuovo viale Villoresi, la Lega di Nerviano difende il progetto

Dopo l'opposizione, ora è la maggioranza a prendere la parola sul progetto preliminare per il nuovo viale Villoresi di Nerviano. E se la bozza non convince la minoranza, la Lega difende la scelta dell'amministrazione di Massimo Cozzi.

«Del predetto intervento se ne parla già dagli anni Novanta, ma nessuno ha mai avuto il coraggio di prendersi la responsabilità di realizzare un’idea così coraggiosa ma necessaria - sostiene il Carroccio -. Viale Villoresi, porta d'ingresso/d’uscita del nostro paese, è tutto tranne che un snodo alberato e sicuro; caratteristiche quali piante morte, illuminazione inadeguata e una viabilità pericolosa, data la strettezza della carreggiata, non rendono giustizia ad una strada che dovrebbe essere il biglietto da visita per chi accede nella nostra cara Nerviano. Inoltre, la presenza di tanti esercizi commerciali, al giorno d'oggi difficili da trovare in un Comune delle nostre dimensioni, e di numerosi residenti, rendono necessarie migliorie e cambiamenti, affinché i primi possano beneficiarne rimanendo in attività, e i secondi trarne giovamento, vista l’importanza dell’intervento di riqualificazione in atto».

La Lega, quindi, difende la scelta del doppio senso di marcia, allargamento della carreggiata, introduzione della zona 30 e l’installazione di “attraversamenti pedonali in quota” (davanti alla scuola materna, nei pressi dell’incrocio con via Vittorio Veneto e in prossimità di piazza della Vittoria). Verranno mantenuti, inoltre, i parcheggi attuali, «ottimizzando contestualmente la circolazione pedonale, rendendola agevole, senza barriere architettoniche e con aree di sosta spaziose e piacevoli». «In ultimo, ma non per importanza - conclude la Lega -, un netto potenziamento dell'illuminazione pubblica, ad oggi scarsa, permetterà di godere appieno di una zona così importante. Infine, anche l’arredo urbano sarà completamente rivisto, prevedendo, data la “sofferenza” patita dagli alberi attualmente presenti, l’inserimento di diverse essenze arboree e floreali in vasi ornamentali. Abbiamo votato favorevolmente a questo progetto, potendo scegliere in alternativa la comodità del “non fare niente”, poiché siamo sicuri che l'intero paese gioverà di questa riqualificazione e non solo commercianti e residenti della zona».