Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Anche il PD Alto Milanese prende la strada della Sinistra

I dati che arrivano dai seggi democratici dell'Alto Milanese non lasciano spazio ai dubbi: anche il PD della nostra zona, oltre a quello a livello nazionale, ha preso la strada della Sinistra, quella rappresentata dalla candidatura di Nicola Zingaretti alla segreteria nazionale, presidente della regione Lazio, già segretario nazionale della Sinistra giovanile e deputato al Parlamento europeo. 

LEGNANO - Nella Città del Carroccio sono stati 1.246 i votanti, con Zingaretti che ha ottenuti 850 preferenze, pari al   68,2% del totale, Giachetti  che ne ha ottenute 157 (12,6%) e Martina 239 (19,2%).
«É un risultato che ci fa sperare in un auspicabile risveglio dal sogno populista - commenta Michele Ferrazzano, segretario del Circolo PD legnanese -. Democrazia e solidarietà sono valori che non si possono cancellare con un tweet o con un voto online. Un grazie grande grande alle decine di volontarie e volontari che hanno contribuito al successo di questa indimenticabile giornata. Ora ci rimettiamo al lavoro con maggior fiducia e determinazione. A Legnano le ultime vicende di giunta hanno dimostrato l'inadeguatezza di questa maggioranza a governare la città; continueremo la nostra battaglia insieme alle altre opposizioni per difendere il diritto di ogni legnanese ad avere un governo della città efficiente, competente e trasparente».

Per quanto concerne Legnano, l'affluenza ai seggi è considerata buona e in linea con le precedenti. In effetti, nell'aprile 2017, quando vinse Renzi su Orlando, i votanti erano stati 1.391. Allora, tutto ( o quasi) il PD Legnanese era renziano. Oggi, tutti (o quasi) hanno... svoltato a sinistra.

ALTO MILANESE - Nell'alto Milanese sono stati 4.294 i votanti che si sono recati ai 29 seggi distribuiti in tutto il territorio. Anche qui, in linea con il dato nazionale, il maggior numero di preferenze è andato a Zingaretti (2.684) con il 62,8%, seguito da Martina (997) con il 23,3% e da Giachetti (592) con il 13,9%.
«Un grande momento di partecipazione che dimostra la voglia di democrazia che ancora c’è nelle persone - commentano Enrico Cozzi, coordinatore di zona, e Umberto Silvestri, che lo affianca nel suo compito -. Quasi due milioni di persone, in ogni parte d’Italia, sono uscite di casa per raggiungere a piedi, in bici o in auto il proprio seggio e votare. Altro che voto online dal proprio divano! Un immenso grazie va alle centinaia di volontari e volontarie che hanno permesso di raggiungere questo grande risultato. Ora ci si rimette al lavoro con maggior entusiasmo e speranza di raggiungere  risultati concreti nelle nostre azioni su temi sovracomunali come Accam, discarica di Cerro, Azienda SO.LE., Amga, Ambiente e Trasporti».

Canegrate i votanti sono stati 216: 126 le preferenze per Nicola Zingaretti, 52 quelle per Maurizio Martina e 37 quelle per Roberto Giachetti, con una scheda nulla.

Cerro Maggiore i votanti sono stati 209, il 57,90% dei quali si è espresso a favore di  Zingaretti, seguito da Giacchetti (25%) e Martina (17,1%).

A Nerviano sono stati in tutti 345 i voti espressi: 216 per Zingaretti, 95 per Martina e 33 per Giachetti, con una scheda bianca.

A Parabiago 421 cittadini si sono recati alle urne, con 415 voti validamente espressi: Zingaretti si è aggiudciato 269 preferenze (64.82%), Martina 87 (20.96%) e Giachetti 59 (14.22%). Quattro le schede bianche e due quelle nulle.

 A Rescaldina si sono registrati 218 votanti: vittoria anche in questo caso per Zingaretti (129 voti), seguito da Martina (68 voti) e Giachetti (27 voti). «Senza nulla togliere agli altri, ma il PD di Rescaldina è il PD più bello d’Italia - è il commento del sindaco Michele Cattaneo -: un circolo capace di partecipare alla costruzione della nostra Rescaldina e di dare il suo contributo alle politiche sovracomunali. A tutti i volontari che oggi hanno permesso questa prova di democrazia va il mio grazie dal profondo del cuore». «Oggi si è sentito un vento diverso - fa eco il segretario rescaldinese Flavio Corasaniti -, un vento forte carico di tanta voglia di cambiare rispetto a quanto sta succedendo in questi mesi nella nostra Italia. Certo non dobbiamo bruciare la fiducia che ci stanno dando i nostri cittadini che ancora una volta dimostrano di credere in un grande e forte partito di sinistra. Il PD è un partito vivo capace di confrontarsi con tutti, di leggere i tempi e dare risposte importanti ai bisogni della gente».

A San Giorgio su Legnano hanno votato in 91: 50 le preferenze per Zingaretti, 25 quelle per Martina e 16 quelle per Giachetti.

San Vittore Olona Nicola Zingarettti si è aggiudicato il 46,60% delle preferenze, seguito da Maurizio Martina al 41,02% e da Roberto Giachetti al 12,38%.

A Cuggiono, infine, Zingaretti è arrivato al 69%, mentre a Casorezzo ha centrato il 51%.


In centro, questa mattima, tra gli elettori, con piacere, l'incontro con Alberto Centinaio. Sappiamo che l'ex sindaco, pur con una presenza solo... virtuale, vive sempre con attenzione e immutata passione l'attività politica del PD e quella cittadina.
"Guarda che ti leggo sempre e... ti curo", il suo saluto amichevole, con il sorriso sulle labbra. Averlo incontrato e aver scambiato qualche battuta ci ha confermato quella sensazione di presenza. Ne siamo felici, per lui e per la città.

 

(Marco Tajè)