Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Accam, Colombo: "A pagare saranno i nervianesi"

La "coerenza" come rifugio di persone «caparbiamente inadeguate». La scelta di Nerviano di non conferire più i rifiuti ad Accam - e il conseguente aumento dei costi di circa 28mila euro -, non va giù alle opposizioni della maggioranza targata Lega, Gin e Con Nerviano. La consigliera comunale Daniela Colombo (Tutti per Nerviano) critica duramente la decisione.

«Il sindaco Massimo Cozzi, nell’ultimo Consiglio Comunale dove si è discussa una interpellanza sulla gestione della gara per il conferimento dei rifiuti urbani, ha argomentato indicando nella coerenza la ragione delle scelte da lui adottate - commenta Colombo -. Peccato che la coerenza non sia un valore universale nel momento in cui a pagare sono altri come, in questo caso, i cittadini di Nerviano».

«Correva l’anno 2016 quando questa amministrazione a guida Lega, ratificava in toto lo scenario economico-finanziario approvato dall’assemblea dei Soci della partecipata ACCAM secondo il quale, con lo spegnimento dell’inceneritore nel 2021, si sanciva il fallimento di un progetto nato oltre 20 anni fa affossato dall’inconsistenza del “sistema imprenditoriale pubblico” - ripercorre l'esponente di Tutti per Nerviano -. Con una svalutazione da circa un milione di euro dell’impianto di ACCAM, l’Amministrazione Comunale non solo impoveriva il patrimonio comunale, ma lasciava i cittadini senza nessuna strategia per il futuro, “coerentemente” orfani di un sistema di smaltimento dei rifiuti urbani. Fin qui la storia meno recente che nel corso del 2018 si è arricchita di un’altra decisione “coerente” adottata dalla Giunta: non considerare più ACCAM, tutt’ora partecipata dal Comune, una società “in -house” tramite la quale continuare a conferire i rifiuti, ma indire una gara d’appalto, certi di un sostanziale ribasso delle tariffe di smaltimento presso altri impianti».

«Di “coerenza” in “coerenza” il risultato era purtroppo già scritto: tariffe più alte di 28mila euro per la cittadinanza e una riduzione di volumi per la partecipata ACCAM che verosimilmente si tradurrà in una perdita di profitto che i Comuni soci, tra cui appunto Nerviano, dovranno ripianare… Insomma - conclude Colombo -, come ironizzava Churchill: “il rimangiarmi le mie parole non mi ha mai dato l’indigestione” e tutta questa “coerenza”, aggiungiamo noi, sembra solo l’ultimo rifugio delle persone caparbiamente inadeguate».

(Chiara Lazzati)