Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

"Battesimo" al microfono in Regione per il rhodense Giudici (Lega)

"Battesimo" del microfono per il rhodense Simone Giudici. Il neo consigliere regionale leghista ha tenuto ieri, martedì 10, il suo primo intervento in consiglio regionale. Un momento importante per Giudici, alla sua prima esperienza in Regione.

«Ci ho tenuto a sottolineare che la giunta Fontana è passata dalle parole ai fatti e già nella prima riunione ha dato un segnale importante prendendo dei provvedimenti in tema di asili nido e di riduzione del super ticket sanitario - ci racconta il consigliere del Carroccio -. Il fatto di portare nella prima giunta dei temi così importanti mette in risalto la voglia di fare, di fare in fretta e di fare bene continuando la buona amministrazione di Regione Lombardia. Il tema degli asili nidi gratuiti è un tema fondamentale per dare ossigeno alle famiglie lombarde e in campagna elettorale molte parole abbiamo speso a riguardo. Da padre di famiglia non sopporto vedere il nostro paese ultimo nelle classifiche in tema di natalità, è un primato davvero triste. Sicuramente la scarsa attenzione da parte dello Stato verso neo genitori e famiglie ha contribuito a farci guadagnare la maglia nera in tema di nascite. Per cui ogni forma di aiuto alle famiglie anche da parte delle regioni è un segnale importante che va nella giusta direzione. Nello specifico con la prima giunta Fontana la gratuità degli asili nido è stata estesa a ben 1200 famiglie, che da oggi potranno avere una vita più agevole. Importantissima è anche la riduzione del ticket sanitario che è stato ridotto del 50%, un ticket massimo che passa quindi da 30 a 15 euro. Questa misura renderà più lieve il peso fiscale di Regione Lombardia. Un ottimo inizio direi, e se il buongiorno si vede dal mattino siamo tutti molto fiduciosi».

(Chiara Lazzati)