Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Cerro Maggiore verso le elezioni 2018: si presenta Progetto Comune di Airoldi

Dopo mesi e mesi di voci, ecco il primo annuncio ufficiale in vista delle elezioni comunali del 2018. A rompere il ghiaccio è uno dei nomi già in lizza nel toto candidati: Alex Airoldi. Il presidente della Pro Loco (o meglio, l'ex presidente dopo le dimissioni annunciate oggi, sabato 13, in conferenza stampa), è tra i fondatori di una nuova lista civica: Progetto Comune per Cerro e Cantalupo.

LA LISTA CIVICA. Progetto Comune nasce come lista civica, ma come confermato dagli stessi fondatori Airoldi e Lucrezia Vandoni (laureata in giurisprudenza, 29 anni, figlia dell'ex sindaco Marina Lazzati), è innegabile la sua vicinanza a valori del centro destra. Impegno e ascolto le parole chiave per i suoi membri. «Nell'esperienza alla guida della Pro Loco ho notato che molte persone mi segnalavano problemi che non erano inerenti all'associazione come lampioni rotti o buche per le strade. Significa che dall'altra parte, in Comune, non trovavano nessuno con cui dialogare - afferma Airoldi -. La nostra lista quindi nasce sulla base dell'ascolto e della presenza quotidiana sul territorio. E tra gli altri papabili candidati vedo poca gente che vive la quotidianità locale del paese». L'affondo è riferito agli altri nomi che circolano in paese come probabili candidati sindaco: Antonio Lazzati, Piera Landoni e Teresina Rossetti.

L'APPELLO AI PARTITI DI CENTRO DESTRA. Per «creare una solida alternativa al centro sinistra, che ci vuole portare nel futuro con un salto nel passato», Airoldi ha colto l'occasione della conferenza stampa per lanciare un appello a tutte le forze di centro destra presenti a Cerro: correre insieme per vincere. Presenti, tra il pubblico, esponenti locali della Lega, di Forza Italia e di Fratelli d'Italia come l'ex sindaco Marina Lazzati, Aurelio Moroni, la coordinatrice di FI Nuccia Berra e Daniel Dibisceglie. Da tutti loro, a termine dell'incontro, un ok al dialogo. Da parte di Airoldi no assoluto, invece, agli altri civici: il gruppo capitanato dall'ex sindaco Antonio Lazzati. Presente a margine dell'incontro anche il segretario di circoscrizione della Lega Gianluca Alpoggio.

NESSUN CANDIDATO. Per ora ancora nessun nome. Airoldi e Vandoni si sono presentati come semplici portavoce della lista. Non c'è ancora la certezza su chi correrà come candidato sindaco. «Abbiamo una rosa di nomi, ma di quello, ovviamente, discuteremo con chi deciderà di appoggiarci e lavorare con noi solo dopo aver trovato un accordo sul programma - chiarisce Airoldi -. Siamo aperti a valutare anche altri nomi proposti da chi vorrà lavorare con noi».

PRO LOCO. A guidare l'associazione, nata 4 anni fa su iniziativa di Airoldi, sarà adesso Emiliano Lattuada, aiutato dal vice Fabrizio Italo. In questi anni più volte Airoldi è stato accusato di aver utilizzato la Pro Loco a scopi politici. E adesso, con la sua nuova avventura politica, Airoldi risponde: «Ho dato le dimissioni dalla Pro Loco per tempo, per correttezza e trasparenza verso i cittadini, verso me stesso e verso i tesserati. L'associazione rimane apolitica come è sempre stata e continuerà ad essere. Le mie dimissioni arrivano ora, senza alcuna certezza di alcun tipo di candidatura a qualsivoglia carica».

(Chiara Lazzati)