Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Inquinamento e trasporti, Toia (Lista Maroni): "Sì al Car Pooling"

«La mozione coglie lo spirito costruttivo e non coercitivo che innesca benefici finalizzati a minori emissioni e di riduzione del traffico veicolare, oltre che vantaggi sotto il profilo economico». Così la consigliere regionale Carolina Toia (“Maroni Presidente-Lombardia in testa”) ha motivato nel suo intervento in Aula il voto favorevole del suo Gruppo consiliare alla mozione, approvata con voto unanime, per la promozione dell’uso condiviso di veicoli privati (Car pooling) come misura di riduzione dello smog a costo zero o quasi. Il Consiglio lombardo ha anche accolto un emendamento della consigliere Toia volto a eliminare l’obbligo per tutti i Comuni, gli Enti pubblici e le imprese con più di 50 addetti di riservare nel loro sito internet uno spazio dedicato alle informazioni sul car pooling, prevedendo piuttosto la collaborazione con gli stessi soggetti “anche al fine di implementare i relativi siti internet con spazi dedicati” a tali informazioni.

«Regione Lombardia – ha ricordato la consigliere della Lista Maroni – ha a cuore il tema della mobilità sostenibile, che rappresenta un elemento di assoluta centralità nell’ambito delle strategie di miglioramento della qualità dell’aria, proprio perché il traffico veicolare risulta una delle principali fonti emissive. Già come prima firmataria ho proposto all’Aula una mozione per lo sviluppo di un piano strategico della mobilità elettrica, approvata in data 6 settembre 2016. Rimane coerente la nostra posizione di contrarietà rispetto all’introduzione di misure di limitazione, la cui attuazione tende purtroppo a tradursi in disagi e penalizzazioni per quelle fasce di popolazione caratterizzate da una ridotta capacità di spesa. Siamo infatti convinti che la tutela dell’ambiente e, nel caso d’interesse, il miglioramento della qualità dell’aria, debba essere perseguita secondo un principio di sostenibilità, anche sotto il profilo economico. Pertanto l’ammodernamento del parco circolante rappresenta un’indiscutibile priorità da favorire mediante l’introduzione di un sistema di incentivi, più che di divieti. Detto questo, il sostegno ad altre forme di modalità sostenibile risulta essere più che condivisibile. A testimonianza dell’impegno di Regione Lombardia rispetto a questa tematica – ha concluso Carolina Toia – pare opportuno ricordare la recente emanazione delle linee guida per l’infrastruttura di ricarica dei veicoli elettrici e il bando per la concessione di incentivi per l’installazione di punti di ricarica domestica e di sistemi di accumulo dell’energia elettrica prodotta da impianti fotovoltaici».