Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Palio di Siena: Piras, dalla pista del Battista a Piazza del Campo

La seconda giornata del Palio di Siena porta la conferma di Stefano Piras nell'Aquila. La sua presenza sul tufo, all'inizio, sembrava limitata alla prima prova. Invece, anche oggi, mercoledì 14 agosto, sia al mattino che alla sera la Nobile contrada senese ha deciso di dare fiducia al fantino 33enne.

Stefano può ben dirsi un fantino "legnanese". "Sardo di origini - ricorda Alberto Arnese, contradaiolo della Flora - ha lavorato da ragazzo per la scuderia Grizzetti all'ippodromo di Varese. A Legnano, montava un mio cavallo e un altro della scuderia L'Usignuolo di Battista Berra, "Il Gatto", con il quale ha corso diverse riunioni pre Palio. Spesso presente al Memorial Favari, quest'anno è andato al canapo della Provaccia con Legnarello".

Piras, ricorda sempre Arnese, "arriva al palio di Siena a 30 e passa anni, ma già una decina di anni fa era entrato nell'orbita della Selva, preferendo però restare a casa per la famiglia e il lavoro".

Con l'Aquila che ha ormai fatto la sua scelta definitiva, questo l'attuale quadro delle monte:

  Selva - Atzeni
Oca - Siri
Onda - C. Sanna
Istrice - Coghe
Bruco - Mari
Chiocciola - Caria
Torre - Bartoletti
Panterna - L. Bruschelli
Aquila - Piras
Drago - Arri

Ricordiamo che la seconda prova di questa mattina è stata vinta da Carlo Sanna con l'Onda, mentre in serata successo di Caria con la Chiocciola.

(Marco Tajè)