Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Palio Siena: maltempo da cappotto

Seconda e terza prova annullate per la pioggia oggi, martedì 14 agosto. Palio di Siena, quindi, disturbato da una giornata invernale tanto da suggerire alla collega e amica Eleonora Mainò un titolo dove a far da protagonista è il cappotto, inteso però come abbigliamento, non come doppio successo consecutivo nella corsa da parte di una contrada. Con la giornalista de Il Verrocchio e di Radio Siena TV, che ringraziamo sempre per la cortese collaborazione, analizziamo comunque la prima giornata della carriera senese e le accoppiate fantini-contrade.
La foto di copertina è uno scatto di Luca Lippi


Le foto in pagina sono di Matteo Garegnani

La prima prova regala poche emozioni. 
Tutti o quasi pronti in partenza poi nulla più. La tranquilla fine di una prima giornata di Palio dove tutto più o meno è scorso liscio.

35 cavalli presenti all'Entrone suddivisi in 5 batterie scorse in maniera lineare, qualche giovane in evidenza pochi spunti dai cavalli già annunciati nel lotto dei dieci, che già si vocifera alto. E alto lo è davvero.

Da lì il valzer delle monte si muove velocemente anche con qualche nome inaspettato. Si formano così le accoppiate, la prima è quella della Drago, torna Mari con un unico scopo, tentare il cappotto con Pathos de Ozieri, ritenuto il cavallo più completo del lotto, tornato per la seconda volta in Camporegio.

Poi quasi in contemporanea di sistema Bartoletti nella Pantera sul suo Rexy; cavallo esordiente per la Piazza ma maturo e d'esperienza, un soggetto che in Provincia piace da molto, Bartoletti ha aspettato molto per portarlo con convinzione e con lo scopo di fargli correre il Palio, di sicuro lo conosce a fondo tanto da non fargli pagare lo scotto dell'esordio.

La terza monta a sistemarsi è Zedde nella Lupa, su Porto Alabe, cavallo su cui ormai c'è da scoprire poco, e su cui Lo Zedde corse due anni fa uno dei Palii migliori di questo soggetto che al terzo giro arriva sempre li' lì.

Quasi in contemporanea Sanna torna in Pantaneto; al Leocorno è andato in sorte Osama Bin, finalmente rientrato nel lotto, le carte per provarci ci sono tutte pensiero condiviso evidentemente anche dall'avversaria, con la scelta di mettere su Tabacco Carboni, uomo da Palio in difesa, scelta quindi che avvalora la qualità dell'accoppiata del Leocorno.

Mentre si assiste al tira e molla tra Tartuca e Nicchio -Bruschelli e Atzeni, il Montone muove la sua pedina dichiarando senza mezzi termini il Palio che ha intenzione di fare. Capitan Palazzi ci ha abituato a scelte senza mezze misure e alla capacità di motivare al meglio i suoi fantini, richiama Antonio Siri, Amsicora che a luglio nel lungo pomeriggio delle monte era stato poi messo da parte proprio dal Montone.

Nei Servi è andata in sorte Schietta, scuderia Carboni, cavallina che piace, esordiente e che già pare chiamata a un compito importante: coprire Tale e Quale toccato al Nicchio. Tale e Quale, fuori a luglio perché over the range in un lotto medio, è l'ennesimo cavallone che scende nei Pispini, ci riprovano con Bruschelli, alla ricerca sempre dell'ultima vittoria.

Atzeni approda in Castelvecchio su Rodrigo Baio, soggetto di Scuderia Caria, cavallo fisicamente bellissimo, che durante l'anno è piaciuto, la Tartuca a fronte delle proposte di sanzioni, è chiamata ad un Palio importantissimo. Poi le altre accoppiate, il Bruco orfano del suo Mari, su Solo Tue Due mette Murtas, anche su questo cavallo va applicata la considerazione di Porto Alabe, considerato punta in alcuni lotti, medio in altri.

Infine la Giraffa che presenta a sorpresa il nome Caria su Queen Winner, cavallina che allena, anche lei esordiente matura. Due rientri questi ultimi che lasciano tutti sorpresi, a fronte di alcuni nomi come Mannucci e Sini e Ricceri e Velluto dati a cavallo dai più. 

E qui si potrebbe riaprire il discorso sui giovani, ma questo Palio, senza togliere nulla a chi sarà a cavallo il 16 sera ci ha abituato a ripescaggi più che scoperte. 

Nota di merito in questo senso a Capitan Gragnoli, la Lupa infatti per la prima prova sceglie Federico Guglielmi, giovane nome tenuto d'occhio da tempo, a cui si decide di regalare l'emozione della vita, quella di un giubbetto di seta sulle spalle. Un gesto alla vecchia maniera. 

Intanto su Siena piove Già dalle prima ore di martedì. Annullata la seconda prova. il maltempo annunciato su un lotto così di cavalli e accoppiate forse a naso potrebbe influire meno, ma mai dire mai, con Il Palio in genere e soprattutto con la Piazza del Campo.
Eleonora Mainò

ULTIME NOTIZIE

VISUALIZZA TUTTI GLI EVENTI