Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Non sempre leggere deve mettere comodi: "Il buio non consola"

Il buio non consola
di Emma Healey
ed. Mondadori
€ 20,00


Nei claims che presentano il romanzo di Emma Healey ricorre spesso la parola "thriller". Non che sia sbagliata - perchè questo libro lo è -, direi piuttosto che è insufficiente. Perchè "Il buio non consola" è un romanzo che parla alla pancia di tutti coloro che hanno una famiglia, un amore, un affetto e se lo vedono portare via: è un romanzo che parla d'amore e di vita, di dolore e di morte. Un romanzo che racconta un'assenza e una presenza, senza riuscire a chiarire quale faccia più paura...

E proprio alla peggiore delle paure sono sopravvissuti Jen e Hugh Maddox. Sollevati, ma ancora terrorizzati, siedono in ospedale al capezzale della figlia quindicenne, Lana, che è stata trovata insanguinata, ferita e disorientata dopo essere scomparsa nel nulla per quattro giorni durante una vacanza in campagna. Mentre Lana rimane muta, a letto, non volendo o potendo raccontare quello che le è successo, i media nazionali speculano selvaggiamente, e Jen e Hugh cercano di rispondere a molte domande. Dov’era Lana? Come si è ferita? Com’è sopravvissuta là fuori per tutti quei giorni? Anche quando torna a casa e alla routine scolastica, la ragazza fornisce sempre la stessa risposta frustrante: “Non mi ricordo”.

Jen, tuttavia, sa che Lana non sta dicendo tutto. Lei che per anni ha cercato di tenere a bada la depressione che affligge la figlia minore, temendo sempre il peggio, non può lasciar perdere e deve ascoltare il suo bisogno di scoprire la verità. Senza avvertire Hugh né la figlia maggiore Meg, che è incinta, parte per ripercorrere i passi di Lana, scoprendo presto che il viaggio intrapreso la porterà a una maggiore comprensione della figlia più giovane, certo, ma anche della sua famiglia e di se stessa.

Struggente e magistralmente costruito,questo romanzo esplora i vincoli della vita familiare, il dolore della malattia mentale e il complicato ma persistente legame tra madri e figlie. Un romanzo sul senso di colpa, la paura, la speranza, e l’amore, che conferma lo straordinario talento narrativo di Emma Healey.

Da leggere assolutamente.

Amanda Colombo - Galleria del Libro