Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Misteri e risate in "Con tanto affetto ti amazzerò "

Con tanto affetto ti ammazzerò
di Pino Imperatore
ed. DeA Planeta
€ 15,00


Tornano l'ispettore Gianni Scapece ("Come le zucchine?" - "Sì, come le zucchine."), il suo commissario Carlo Improta, tutta la famiglia Vitiello della trattoria Parthenope e soprattutto la Napoli bella e piena di misteri raccontata con maestria da Pino Imperatore.

Il nuovo caso che l'ispettore si trova a dover affrontare ha un inizio davvero spettacolare: durante i festeggiamenti per il novantesimo compleanno della baronessa Elena De Flavis, mentre un famoso tenore si appresta a intonare "Nessun dorma", gli invitati iniziano a stramazzare al suolo senza un apparente motivo. Vittima dello svenimento collettivo anche il commissario Improta, invitato con Scapece alla serata mondana.

Nella confusione che segue, la baronessa scompare insieme al suo fido maggiordomo cingalese Kiribaba. Cosa può essere successo? Una fuga? Un rapimento? Un suicidio? Nessuno sembra sapere cosa passasse per la testa della nobildonna, tantomeno i suoi tre figli, più preoccupati 
dell'ipotetica spartizione dell'eredità che della sorte della loro genitrice.

Rancori, gelosie, meschinità, rapporti familiari tesi... Molte le ipotesi sul piatto dell'ispettore, e lo dico in senso letterale. Perchè se c'è un posto foriero di buonumore, idee geniali, deduzioni azzeccate 
e ottimo cibo, quel posto è la trattoria Parthenope dei suoi amici Vitiello: partendo da Nonno Ciccio per arrivare al cagnolino Zorro, tutti si prodigheranno per aiutare Gianni a venire a capo del mistero 
della baronessa scomparsa.

Tra colpi di scena e battute esilaranti, Pino Imperatore ci regala una nuova storia che mette in luce i sentimenti che muovono l'azione dell'uomo, nel bene e nel male. Se poi ai sentimenti uniamo le gioie e i dolori dei legami familiari, la miscela non può che essere esplosiva!

Leggetelo, non ve ne pentirete.

Amanda Colombo - Galleria del Libro