Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

La storia dell'arte si trasforma in avventura ne "La cena segreta"

La cena segreta
di Javier Sierra
ed. DeaPlaneta
€ 21,50


Quando quindici anni fa questo romanzo fece la sua prima comparsa, si impose nelle classifiche internazionali dando del filo da torcere persino a Dan Brown. Io lo divorai in tre giorni, chiedendomi se mai avrei potuto trovare risposta ai mille quesiti che il romanzo lasciava aperti. Oggi - a seguito della vittoria del suo autore del prestigioso Premio DeAPlaneta 2018 - torna in libreria in una nuova edizione ampliata e arricchita da preziose immagini, per riscoprire il fascino di un’epoca e tutto il valore di un’opera che, da oltre cinque secoli, non cessa di incantare e stupire: l'Ultima Cena di Leonardo da Vinci.

Siamo nel gennaio 1497, a Roma. L’arrivo di alcune lettere anonime contenenti inquietanti insinuazioni getta la corte di papa Alessandro vi nello scompiglio. A Milano, nel refettorio di Santa Maria delle Grazie, Leonardo da Vinci starebbe ultimando un’opera dal contenuto blasfemo se non addirittura diabolico. L’affresco dell’Ultima cena, infatti, presenta anomalie a dir poco sconcertanti: sul capo di Cristo e degli apostoli non vi è traccia di aureola (così come nella prima versione della Vergine delle Rocce, e capiremo presto perchè); sulla tavola non si vedono il pane e il vino dell’Eucarestia; e come se non bastasse l’artista ha avuto l’ardire di ritrarre se stesso nell’atto di dare le spalle a Gesù. Padre Agostino Leyre, inquisitore domenicano esperto nell’arte di interpretare messaggi cifrati, viene inviato d’urgenza nella città lombarda con il compito di fare chiarezza e di scoprire cosa abbia spinto il maestro toscano a stravolgere il testo biblico e a disattendere le aspettative dei committenti. E se Da Vinci fosse un eretico? Mentre una serie di efferati delitti semina il panico dentro e fuori le mura di Santa Maria delle Grazie, con il procedere delle indagini appare sempre più chiaro che l’Ultima Cena nasconde un messaggio capace di sfidare i fondamenti stessi della dottrina cristiana. Luce e buio non sono mai stati tanto vicini...

Con un ritmo che non lascia scampo - e la capacità di trasportare il lettore in una coinvolgente avventura fra arte, mistero, intrighi e investigazione storica -, Sierra riesce a mescolare sapientemente scienza e occultismo, enigmi teologici e cospirazioni mondane, la decifrazione di antichi documenti e l’interpretazione di opere d’arte. E tiene avvinto il lettore fino all’ultima pagina.

Sarà un vero piacere parlare con lui domenica 14 aprile alle ore 17,00, al Castello Visconteo. Non potevamo concludere la rassegna "Scrittori in Mostra" in modo migliore!

Amanda Colombo - Galleria del Libro