Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Un originalissimo romanzo biografico "Circe"

Circe 
di M. Miller 
ed. Sonzogno 
€ 19,00


Un po' fantasy, un po' tragedia greca, "Circe" ci racconta la storia della ragazza diventata maga, e lo fa grazie a una narrazione costruita su una solida conoscenza delle fonti e su una profonda comprensione dello spirito greco. 

Se, infatti, siamo convinti di sapere tutto della storia di Circe, la maga raccontata da Omero, che ama Odisseo e trasforma i suoi compagni in maiali, scopriremo presto che non è così, perchè esistono un "prima" e un "dopo" nella vita di questa figura che ne fanno uno dei personaggi femminili più intriganti e sfaccettati della tradizione greca classica.

Circe è figlia di Elios, dio del sole, e della ninfa Perseide, ma è davvero molto diversa dai genitori e dai fratelli divini: ha un aspetto fosco, un carattere difficile, un temperamento indipendente; è perfino sensibile al dolore del mondo e preferisce la compagnia dei mortali a quella degli dèi, nonostante scopra presto di poter praticare la magia.

Quando, a causa di queste sue diversità, finisce esiliata sull’isola di Eea, non si perde d’animo: studia erboristeria, impara a addomesticare le bestie selvatiche, affina le arti magiche.

E soprattutto, coltiva i sentimenti che la rendono così vicina agli umani. Circe è una donna di passioni: amore, amicizia, rivalità, paura, rabbia, nostalgia accompagnano gli incontri che le riserva il destino – con l’ingegnoso Dedalo, con il mostruoso Minotauro, con la feroce Scilla, con la tragica Medea, con l’astuto Odisseo, naturalmente, e infine con la misteriosa Penelope. --- Finché – non più solo maga, ma anche amante e madre – dovrà armarsi contro le ostilità dell’Olimpo e scegliere, una volta per tutte, se appartenere al mondo degli dèi, dov’è nata, o a quello dei mortali, che ha imparato ad amare.

Un romanzo affascinante, dai dialoghi serrati, che ci restituisce un personaggio mitologico in tutta la sua complessa umanità, fatta non solo di potenza e magia, ma anche di dolore e solitudine. Madeline Miller si conferma grandissima esperta di storia antica, e soprattutto scrittrice capace di far parlare la Storia attraverso il cuore dei personaggi che l'hanno fatta.

Un libro curioso e utile, che ci fa apprezzare l'eterna modernità dei classici.

Amanda Colombo - Galleria del libro