Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Un romanzo nerissimo: "Lo stupore della notte"

Lo stupore della notte
di Piergiorgio Pulixi
ed. Rizzoli
€ 18,00


Se la incontri non la dimentichi, perché il commissario Rosa Lopez è pronta a sacrificare un ostaggio per riportare la situazione in parità, cosa che ha realmente fatto nei suoi anni nell'Antimafia calabrese.

Ora comnanda un gruppo di uomini che i colleghi chiamano i “crociati”, ma la guerra che combattono, più che santa, sembra disperata. Sono gli uomini dell’unità speciale contro il terrorismo di matrice islamica, la task force che ogni giorno, ogni notte, il commissario Rosa Lopez schiera per le strade di Milano contro la follia criminale dell’estremismo religioso. Un pugno di preparatissimi tutori dell’ordine comandati da una “sbirra” con un curriculum che incute soggezione: ai sette anni a sgominare le cosche della ’ndrangheta in Calabria, è seguito l'impegno all’Antiterrorismo a schedare potenziali jihadisti nelle casbe milanesi, tra centri culturali e moschee irregolari, in quella che per l’intelligence è ormai la città più “calda” d’Italia, stabile base logistica ed economica per la rete del terrore.

È qui che il commissario Lopez affronta le sfide più dure. Rosa, la donna, deve combattere il dolore per il compagno in coma, vittima di un attentato da cui lei è scampata, lasciandola a macerare nel senso di colpa. Lopez, la sbirra, deve sventare il piano di morte ordito da una mente diabolica per trasformare Milano in una distesa di macerie fumanti. E per farlo, il commissario Lopez è disposta a ricorrere ad ogni mezzo, lecito o illecito che sia.

Un romanzo duro, nerissimo, che ci presenta una Milano livida, dove l'eroina scorre a fiumi, i "latinos" la fanno da padroni e la criminalità ha preso forme talmente liquide da sfuggire dalla dita di chi cerca di arginarla... Una Milano che però non è senza speranza, anzi: può rialzarsi, più forte di prima. Perchè se c'è una cosa che non manca a Milano, è la capacità di stringere i denti e lavorare duro.

Fortissimo.

Amanda Colombo - Gallerie del Libro