Castellanza e le benemerenze, il Comune si è autopremiato?

Riceviamo e pubblichiamo:

Castellanza era una bella Città, nonostante ciò , a fine gennaio si fa festa per i Patroni S. Giulio e Sant’Anna. Qualche giorno di sana euforia tra bancarelle, filoni di castagne, gonfiabili, piatti nostrani, banda, canti e balli.

Accanto a tutto ciò : cerimonie religiose, eventi di vario genere, benemerenze. E’ su quest’ultimo punto che sorge una domanda. Il Sindaco risulta ancora essere componente effettivo del Consiglio d’Amministrazione dell’Universita’ Cattaneo (LIUC) di Castellanza? LIUC tra i premiati con benemerenza con scelta perentoria del Sindaco medesimo.

Se la risposta è si, com’è possibile che l’Ateneo riceva un tale riconoscimento ufficiale? Il Sindaco premia anche se stesso? Sarebbe forse possibile rilevare un “conflitto d’interessi”?

Ragionando allo stesso modo, viene alla mente che l’ultimo “eletto” portato alla pubblica conoscenza, per un tentativo di soluzione dei grossi problemi di Castellanza Servizi e Patrimonio, dovrebbe avere la stessa

Sindrome. Il Comune di Legnano con qualche Società collegata, ha stipulato con la Servizi e Patrimonio castellanzese qualche contratto riguardante attività al Palaborsani. Se il Direttore  non ha mutato qualche assunzione di responsabilità o quant’altro potremmo essere anche qui nel conflitto d’interessi?

Non vanno dimenticate le vicende in corso che potrebbero già per se esitare in conclusioni quantomeno vergognose per una “bella” Città

com’era Castellanza. Attendendo risposte esaustive seguo le varie vicis-situdini paesane.

Tiziano Lange’- assessore al bilancio- Giunta Farisoglio.