Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Il ritorno della DC, per "una forte e chiara presenza dei moderati"

Riceviamo e pubblichiamo:

Dopo la quasi totale cancellazione dei partiti moderati con le ultime elezioni politiche, con una successiva domanda di fondo, cioe' se fosse ancora attuale l'impegno e lapresenza dei cattolici democratici in politica, oggi, sempre piu' coraggiosamente, singoli, gruppi, associazioni si stanno confrontando perche', dopo appunto un periodo di recupero ed analisi di una identita', pare chiaro ed attuale che l'impegno e la presenza dei moderati serve e serve ancor maggiormente in una situazione come quella attuale, serve come.confronto e voce diretta di ampie espressioni civiche che, paravano essersi rifugiate nel populismo ma che, stanno vedendo quanti limiti esso comporti.

Serve una forte e chiara presenza moderata perche' serve rispetto e tutela di valori impriscindibili alla.base della.nsotra storia, valori che non sono adattabili o discutibili, serve, una presenza moderata, perche' serve per garantire rispetto e gratitudine, tutela, al volontariato tutto, serve la presenza moderata perche' serve il confronto, il dialogo, mai il muro contro muro.

Serve, una presenza moderata per essere cuscinetto dialogante tra elettorato ed istituzioni come e' stata per decenni la Dc.

Serve una presenza moderata che abbia coraggio di organizzarsi, di proporsi, di essere alternativa credibile, espressione di ideali che alcuni considerano offuscati, a volte demode', ma che sono invece attuali e oggi spesso mancanti.

Serve uno scatto di coraggio e prima ancora di orgoglio, orgoglio di una appartenenza, coraggio per un impegno non facile e  in un contesto non certamente favorevole, ma nel centenario dell'appello ai liberi e forti di Don Sturzo, serve una nuova alba, una nuova chiamata all' impegno diretto.

Serve che i singoli e le varie realta' prendano coraggio, escano dal chiuso delle stanze, tornino tra la gente in modo chiaro, serve esserci, serve andare al di la' della contemplazione e al dato scontato delle nostre tradizioni di impegno, serve essere in prima linea, mettendoci cuore e viso.

Alex Airoldi
Lista civica Progetto Comune
Gia'presidente pro loco