Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Cani in... libertà, la preoccupazione dei lettori

Dopo la vicenda di un cane ucciso da un pitbull, in via Torino, dove è rimasta ferita anche una donna, due lettori esprimono i loro timori per la troppa libertà concessa dai proprietari ai loro cani in luoghi aperti e frequentati (qui la drammatica vicenda che ha suscitato una profonda tensione in città) 


Buongiorno Direttore, 

faccio seguito all'articolo relativo all'aggressione del cane e della sua proprietaria in via Torino per segnalare che quotidianamente si rischia la stessa problematica anche nell'area verde di Via Anna Frank di fronte alla scuola elementare Manzoni.
Durante il giorno, anche in orario di uscita dei bambini da scuola, si ritrovano gruppi di persone che lasciano liberi di scorrazzare i propri cani non curanti delle persone che passeggiano e che spesso dimostrano di aver paura e, peggio ancora, non curanti dei bambini che attraversano l'area verde all'uscita da scuola.
Alla sera dalle 20.30 la situazione peggiora: decine di cani liberi, senza guinzaglio né museruola che spesso corrono verso i passanti o verso coloro che si recano alle proprie macchine parcheggiate. 
Alla cortese richieste di mettere il guinzaglio ai propri cani gli "educati" padroni rispondono in malo modo...
Con grande rammarico ho dovuto constatare anche che a nulla sono valse le diverse telefonate alla Polizia locale.
Dobbiamo aspettarci che succeda quello che è accaduto oggi o che questa volta ci vada di mezzo qualche bambino?
Nessuno vuole vietare il divertimento o la passeggiata ai cani ma credo che i padroni possano farlo utilizzando il buon senso e magari un po' di educazione.

La ringrazio per l'attenzione

Un nonno preoccupato


Gentile Direttore, 
mi collego alla notizia di oggi del cane deceduto e della signora ferita da altro cane aggressore. 
Situazioni spiacevoli e che si possono anche prevenire. 
Io frequento spesso nel fine settimana il Parco alto milanese e spesso ci sono cani senza guinzaglio. Io sono stato in passato morso mentre correvo e oggi segnalo sempre, con educazione, ai padroni di non lasciarli liberi. La risposta? Sempre la solita: il cane è buono e non fa nulla. 
Bene, continuiamo con questa filastrocca. 
Buon lavoro. 

Luciano Molè 

P.s. Per il mio morso 3 ore in pronto soccorso con proprietario del cane che si è dileguato a gambe levate, io senza cellulare per foto e denuncia immediata.


Buongiorno, mi permetto aggiungermi anch’io al coro “NO AI CANI LIBERI”. Non c’è rispetto, non c’è regola. Io o le mie figlie, non siamo libere e serene di passeggiare in strada, nel parco o ai giardinetti.

Dobbiamo sempre guardarci intorno perché sappiamo, per certo, che almeno un cane al giorno libero lo incontriamo.

Al mio disappunto, la risposta del padrone è sempre la stessa “ il mio cane è bravo “…..ma a me non interessa che sia bravo, a me interessa che stia in sicurezza, per me e per il mio cane! Il padrone cosciente deve essere consapevole che il proprio cane, seppur bravo, è un animale istintivo, reagisce a cose che noi non vediamo e non sentiamo. Ma un padrone sa che se un cane è libero e l’altro è al guinzaglio diventano già competitivi? Ma possibile che si guarda sempre sé stessi o il proprio cane e non si tiene conto che esiste anche “l’altro”, che non deve per forza subire la mala educazione altrui? Io credo che se ci fosse meno tolleranza da parte delle forze dell’ordine e se cominciassero a dare multe ben salate, dal chihuahua all’alano, ci sarebbe meno menefreghismo in giro. Un giorno, dopo tante lamentele ai vigili di Castellanza per questo argomento, mi risposero : “lei non sa quanto è difficile combattere la maleducazione”.    

Io posso comprendere sia difficile, ma non con questo bisogna smettere di lottare, non aspettiamo che succedano queste disgrazie, il solo a pagare sarà il cane, che forse è proprio l’ultimo a cui presentare il conto.

E non mi si dica che il cane è scappato…..io sto attenta al mio e col mio…e se solo si dovesse avere un sospetto che possa succedere qualcosa, al cane si mette la museruola!

Spero Voi della redazione, possiate portare avanti e dare voce a noi padroni bene educati e ai nostri cani, ma anche a quei cani che, lasciati liberi, rischiano di passare guai per colpa dell’incuria del loro “amico”

Grazie per l’attenzione

Simona