Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

"Il mio incontro con il cardinale Tettamanzi"

Erg. direttore, il mio ricordo del cardinale Dionigi Tettamanzi è quello di un uomo buono, disponibile e aperto verso tutti.

In occasione di una sua visita pastorale alla parrocchia di S.Magno, mons. Carlo Galli, prevosto di Legnano, alla fine della celebrazione in Basilica, mi chiese di affiancarlo accanto al cardinale. In piedi, per oltre un'ora, Tettamanzi accolse tutti, tutti! Forse un migliaio di persone. Salutava, rincuorava, benediceva. Davvero un pastore sensibile verso ogni suo fedele.

Alla fine, anch'io mi posi davanti a lui. E così, quasi a sorpresa, la sua domanda: "Ma voi i fantini li pagate?"

Altrettanto immediata la mia riposta: "Eminenza, assolutamente no!".

Tettamanzi strinse ancor più forte il mio braccio: "Mi dica, ma voi i fantini li pagate?".

Io, di nuovo:  "Eminenza, assolutamente no!".

Non convinto, ripropose il dubbio: "Voi i fantini li pagate?".

Non mi restò che una risposta: "Cardinale, tu l'hai detto...".

"Grazie e vai in Pace", la sua risposta, accompagnata da un sorriso che ancora oggi ricordo con piacere.

Francesco Simonetti