Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Tosi, ancora fumata nera ma spunta un altro pretendente

Fumata nera in piazza Monumento a Legnano: la trattativa privata tra Presezzi e il commissario Lolli resta ancora aperta. L'incontro a porte chiuse tenutosi oggi, martedì 26 febbraio, non ha portato alcuna novità.

La società brianzola, verso la fine di gennaio ha presentato due proposte per l'acquisto dell'area. Offerte che dovranno essere analizzate dalla commissione creditori durante il prossimo incontro fissato per giovedì 7 marzo. «Non ci sono novità  - spiega l'imprenditrice Barbara Di Febo in Presezzi -. Abbiamo incontrato il commissario che richiedeva alcune precisazioni su alcuni punti sulla nostra offerta. In quest'occasione Lolli ha annunciato che giovedì 7 marzo avrà un incontro con il comitato creditori che valuteranno la nostra proposta. Se la risposta sarà positiva l'offerta verrà pubblicata e verrà avviato l'iter».

Ma se l'esito sarà negativo i brianzoli confermano l'intenzione di traslocare: «Non intendiamo fare il gioco del rialzo - afferma l'imprenditrice -. La nostra offerta è congrua con l'ultima perizia presentata dal commissario. Abbiamo atteso troppo tempo e proprio a causa di questa situazione ci troviamo in difficoltà in quanto non abbiamo potuto fare investimenti sull'area. Abbiamo registrato scarichi di lavoro e ora stiamo perdendo meccanici specializzati che, vista l'incertezza, preferiscono andarsene. Non possiamo più andare avanti così. Lolli ha inoltre affermato la presenza di un pretendente che sarebbe pronto a rilevare tutta l'area, perchè non si è mai fatto avanti?. Restiamo in attesa di capire cosa fare». 

Da Roma il deputato legnanese Riccardo Olgiati sta seguendo con attenzione l'evolversi della vicenda arrivata alle sue battute finali: «Continuo a essere fiducioso - afferma il politico  dalla capitale -. La "palla" è in mano al commissario Lolli».

(Gea Somazzi)