Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

La crisi non ha spento la CD Elettrica, da 30 anni sul territorio

Mileston CD Elettrica spegne 30 candeline. L'azienda nasce il 22 settembre 1988 per mano di Mauro Colombo, al tempo ventenne, e di Giuseppe De Privitellio, 37enne. Dopo 30 anni di attività, tra alti e bassi, Mauro Colombo, rimasto solo al comando per il pensionamento del suo socio, guarda con il sorriso all'esperienza che lo ha portato dal garage di casa in via dell'Artigianato 10 a Villa Cortese: «Quando ho iniziato, l'attività era molto settorializzata - spiega Colombo -: oggi invece il metodo adottato dalle imprese si è evoluto. Oggi bisogna offrire un pacchetto di servizi a 360 gradi: il nostro bouquet di prodotti infatti è molto più complesso e articolato rispetto a 20 anni fa».

Come è ormai noto, 10 anni fa la crisi ha colpito tutti i settori economici, incluso quello dell’elettrotecnica industriale, da sempre importante nell’Altomilanese. Le aziende del settore elettrico ed elettrotecnico sono diminuite di numero, ma stanno tornando ad avere grandi dimensioni e strutture. Lo rivelano le elaborazioni su dati Istat, Camera di Commercio e Crif realizzate da Eo Ipso e presentate proprio in occasione del trentesimo compleanno di CD Elettrica. Se, infatti, le piccole aziende figlie dei "dopolavoristi" non hanno retto alla crisi, sono proprio le piccole e medie imprese come la CD Elettrica ad essere sopravvissute

«Ampliare i servizi vuol dire investire significativamente nel personale e nei processi innovativi - sottolinea Colombo -. Oggi stiamo ancora investendo nella formazione di tecnici e personale perchè il mercato lo richiede. Ciò che sicuramente ha fatto e fa ancora la differenza è avere un occhio attento al bilancio dell'azienda, con un'attenzione maniacale ai numeri». Oggi il fatturato dell'azienda, che conta 30 dipendenti, è di 4,3 milioni di euro, con un +8% rispetto all’esercizio precedente e un record in passato di 7 milioni e 4mila euro. «Noi lavoriamo su commesse - spiega Mauro Colombo -, ci sono quindi anni buoni e anni meno buoni. Tutto è sempre in funzione della domanda esterna». A breve Colombo ha annunciato anche due nuovi innesti: un giovane da formare per diventare addetto al montaggio delle apparecchiature elettriche e un laureato in ingegneria che conosca il settore e abbia un'esperienza alle spalle.  

Nata come SNC (società in nome collettivo), la crescita della CD Elettrica è stata costante, dalla prima commessa importante con la Vito Rimoldi a quella per l'ospedale di Legnano, per arrivare a clienti a livello nazionale come Mediaset, Mondadori, Rai e Pietro Carnaghi. Colombo confessa di aver sempre tenuto ad una politica aziendale che tende a far rimanere all'interno il proprio konw-how: «In funzione di alcune commesse ci affidiamo a collaboratori esterni, ma in media non superiamo il numero dei nostri dipendenti. L'esperienza è il valore aggiunto di ogni azienda e deve rimanere all'interno. Quello che mi piace fare è gratificare i miei dipendenti sia dal punto di vista economico, sia per quanto riguarda la formazione offerta a tutto l'organico, dai dirigenti all'operaio generico».

(Manuela Zoni)