Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Una gita fuoriporta dal sapore fiabesco al villaggio Leumann

Sembra di essere in un villaggio da fiaba, ma in realtà si è a pochi chilometri da Torino. E' la magia del villaggio Leumann, a Collegno. La gita fuoriporta di oggi vi porterà alla scoperta di un quartiere operaio costruito nell'Ottocento e voluto dall'imprenditore svizzero Napoleone Leumann, proprietario dell'omonimo cotonificio.

L'area si dispiega su circa 60mila metri quadrati. E al suo interno si trovano circa 120 abitazioni (oggi in parte abitate da ex operai e in parte usate come case popolari) e 60 edifici. Il progetto è firmato dall'ingegnere Pietro Fenoglio. Il villaggio rientra nel progetto sulla Cultura Materiale e fa parte della rete ecomuseale della Città Metropolitana di Torino. Si tratta di un raro esempio, con Crespi d'Adda e Schio di un villaggio operaio che si sia conservato integralmente.

«Per i singoli - come si legge sul sito della associazione amici della scuola Leumann -, è prevista una visita guidata,  la prima domenica di ogni mese (escluso agosto e gennaio), alle ore 15, con partenza dalla Stazionetta Leumann di Corso Francia 326 a Collegno. Al termine della  visita sarà servita una merenda, a seguire un intrattenimento. Visita guidata gratuita, merenda facoltativa con contributo di 3Euro per gli adulti, gratis per i bambini. E’ richiesta la prenotazione. Per gruppi di almeno 8 persone, è possibile organizzare la visita in qualsiasi giorno, previa prenotazione».

(Chiara Lazzati)