Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Gita fuori porta all'Eremo di Santa Caterina del Sasso

Questa settima vi proponiamo una gita fuori porta all'Eremo di Santa Caterina, sul lago Maggiore. 

L'Eremo si trova a strapiombo sulla sponda orientale del lago nel comune di Leggiuno ed è raggiungibile dal lago, salendo una scalinata di 80 gradini, oppure dal piazzale sovrastante scendendo una panoramica scalinata di 240 gradini. Il sito è ben segnalato da cartelli ed è disponibile un ampio parcheggio dove lasciare l'auto per poi proseguire a piedi. 

Pur essendoci anche pitture del 1800, il complesso monastico risale al Trecento ed è composto da tre edifici: il Convento Meridionale, il Conventino e la chiesa; alla sinistra di quest’ultima, a strapiombo sul lago, è presente un campanile del XIV secolo. 

L’Eremo di Santa Caterina del Sasso fu fondato dal mercante Alberto Besozzi che fece voto a Santa Caterina di rifugiarsi qui in una grotta durante un naufragio. La chiesa, il cortile e il convento furono costruiti nei secoli successivi.

L’Eremo è aperto tutti i giorni da marzo a ottobre. Da novembre a febbraio è aperto solo sabato, domenica e nelle festività.

Se amate camminare esiste anche un sentiero alternativo: un giro intorno all’Eremo di Santa Caterina del Sasso tutto da scoprire che arriva a Cerro di Laveno, attraverso circa 18 km di strade, sentieri e carrarecce. Una camminata che, comprese le soste, richiede circa cinque ore. 

COME ARRIVARE

L'eremo magicamente incastonato nella roccia a strapiombo sul Verbano può essere raggiunto da tutti lungo percorsi sostenibili perché rispettosi dell'ambiente e soprattutto della persona, in particolare dei pellegrini più anziani e dei diversamente abili.

Per chi ha difficoltà motorie è disponibile un comodo ascensore dal soprastante piazzale d'ingresso delle Cascine del Quiquio, che in pochi minuti supera un dislivello di ben 51 metri.

La scalinata panoramica
Per tutti gli altri che desiderano accedere all'eremo sempre dal superiore piazzale del Quiquio c'è la possibilità di percorrere la comoda e suggestiva scalinata affacciata su uno dei più bei panorami del lago Maggiore.