Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Renzi: "7 centri ricerca nel post Expo"

«Entro fine maggio il progetto Human Technopole, Italia 2040 deve iniziare a trasformarsi in "cantiere"». Lo ha dichiarato il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, dal palco del Piccolo Teatro dove è in corso la presentazione del progetto scientifico che sarà realizzato nel sito di Rho Fiera.

- I FONDI «Se tre mesi fa ci siamo presi l'impegno di presentare il progetto - ha detto Renzi - il prossimo impegno è per un incontro entro fine maggio questa volta nell'area Expo. Quello è il tempo zero. Il primo finanziamento di 150 milioni lo abbiamo garantito una settimana dopo l'annuncio di tre mesi fa con un decreto legge. Ora siamo pronti a rendere in legge e testo la stabilità decennale». 

- IL PROGETTO Nel progetto "petaloso", sono previsti sette centri di ricerca per studiare i temi della salute e dell'invecchiamento, integrando medicina, big data analysis, nanotecnologie, nutrizione. L'obiettivo ambizioso è sviluppare la ricerca sul cancro - nel 2014 ci sono stati oltre 360mila nuovi casi di tumore in Italia - e sulle malattie neurodegenerative.

- L'AREA Lo Human technopole popolerà circa 30mila metri quadri del sito Expo. I centri occuperanno uno spazio che va dall'uscita dei treni e della metropolitana a piazza Italia, fino al Cardo, utilizzando alcune strutture esistenti, tra cluster, padiglioni dei Paesi rimasti e auditorium.  A regime lavoreranno lì 1.500 tra ricercatori (selezionati con bandi internazionali, senza preclusione di nazionalità), tecnici e personale amministrativo, ma l'obiettivo è di portare sul sito i laboratori di ricerca di altri partner scientifici che vorranno lavorare con Human Technopole. Il masterplan dovrebbe comprendere anche il campus della Statale. 

«Human Technopole rappresenta certamente una sfida straordinaria e l’area dove si è svolta l’Esposizione Universale sarà il luogo dove si concentreranno le eccellenze italiane e internazionali della ricerca su temi decisivi per la nostra vita, come quelli della salute e dell’invecchiamento, a partire dagli effetti dell’alimentazione. In tre mesi sono già stati fatti concreti passi in avanti e a maggio si vedranno gli ulteriori sviluppi del progetto», ha affermato il sindaco di Milano Giuliano Pisapia