Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Cineforum: "Santiago, Italia" apre la stagione

64 anni di vita, 64 anni di grandi cambiamenti, 64 anni in cui abbiamo continuato a credere nella forza del cinema. Il passare delle stagioni ci porta inevitabilmente a fare una riflessione sul nostro ruolo, su quanto abbiamo ancora da dire in una società sempre più attratta dalle sirene del populismo e che sembra allontanarsi dai valori in cui abbiamo creduto sin dalla nostra fondazione.

Per fortuna c’è il cinema, ancora capace di indagare le contraddizioni della realtà, reinventandosi e trascendendo le convenzioni. Un rimedio contro il dolore della solitudine di oggi e un valido aiuto nella perdita di tante certezze. Nonostante il proliferare delle piattaforme, nonostante una fruizione sempre più autonoma e nella maggior parte dei casi acritica, il Cineforum torna con la consapevolezza che il cinema non è soltanto un passatempo, un tentativo di evasione, ma è una delle forme artistiche più potenti perché ci rivela tante verità sulla realtà in un arco temporale relativamente breve.

        Come ogni anno, il punto di partenza nella scelta dei film è la qualità. Non tanto il bello fine a se stesso, quanto declinato a dare una chiave di lettura diversa al nostro vivere quotidiano. L’apertura ideale, se vogliamo anche programmatica, è rappresentata da Santiago, Italia, l’ultimo documentario di Nanni Moretti. Un film che ci fa capire come siano cambiate, in peggio, le cose. Sono molti i titoli in programma che ci porteranno a riflettere sulla realtà, a latitudini e longitudini differenti. Da Roma di Alfonso Cuarón a Sofia di Meryem Benm'Barek, da I figli del fiume giallo di Jia Zhangke a In guerra di Stéphane Brizé, da Il traditore di Marco Bellocchio a Sulla mia pelle di Alessio Cremonini, quest’ultimo capace di avere un riscontro tangibile anche su un caso processuale che sembrava destinato a restare un mistero.

È un cinema forte quello che vi proporremo anche quest’anno, talvolta non facile ma mai banale. Perché è questo quello in cui crediamo e portiamo avanti da 64 anni, a dispetto dei cambiamenti e di una tendenza sempre più marcata verso l’individualismo. Come Direttivo, continuiamo a pensare che il cinema sia un importante momento di condivisione e incontro, di dialettica e di riflessione.

Speriamo di rendere proficui, anche quest’anno, i vostri mercoledì e giovedì (senza dimenticare gli eventi speciali).

Buona stagione a tutti!

Il presidente


Il primo appuntamento è la consueta Assemblea dei Soci, che si terrà mercoledì 18 settembre, alle ore 21, presso il Cinema Sala Ratti. Oltre alla presentazione del programma e all'elezione delle cariche del Direttivo, l'Assemblea darà il via alla vendita delle tessere. 

L'inizio della rassegna che, come di consueto, si svolgerà nei giorni di mercoledì e giovedì alle ore 21 presso la Sala Ratti, è previsto invece per il 16 ottobre p.v.
La stagione sarà arricchita, come ogni anno, da una serie di eventi collaterali.

Il costo della tessera è di € 61,00 (comprensiva della quota associativa pari a € 1) e consente la visione dei 30 film in programma e la partecipazione a tutti gli eventi speciali.

Le tessere saranno in vendita a Legnano presso il Cinema Sala Ratti, la Galleria del libro, via M. Venegoni 55, e la Libreria Nuova Terra, via Giolitti 14, a partire da giovedì 19 settembre (o mercoledì 18 settembre in Assemblea). 

ULTIME NOTIZIE

VISUALIZZA TUTTI GLI EVENTI