Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

"L'Operazione", al Tirinnanzi lo spettacolo che riporta a Italia '90

Venerdì 15 febbraio alle 21 il teatro Talisio Tirinnanzi ospita “l’Operazione”, per la regia di Stefano Reali, che ci riporta all’ estate del 1990, quella delle "notti magiche" e dei mondiali di calcio.

LA TRAMA

Massimo, un bel ragazzone amante del calcio, grazie a una raccomandazione riesce a farsi ricoverare in un reparto di Ortopedia per operarsi al ginocchio. Ma il compagno di stanza Luigi, "veterano" dell'ospedale, lo induce a riflettere sul microcosmo ospedaliero, ove lui stesso è costretto dopo vani interventi chirurgici, facendo insorgere in lui dei dubbi sulla riuscita della sua operazione. Ma chi è Luigi, in realtà? Un malato, o un simulatore che ha trovato vitto e alloggio “sine die” a spese dello Stato, come sostiene il rampante chirurgo ortopedico dottor Cupreo? E Massimo, chi è davvero? All’inizio ogni ruolo sembra ben evidente, ma pian piano si scoprirà che Luigi (un eccellente Antonio Catania) è l’ammalato cronico che farà scappare i pazienti per rivendere i posti letto e lucrarci sopra; Carlo (un bravissimo Giorgio Gobbi, noto anche al pubblico televisivo per le innumerevoli fiction) è l’infermiere complice della “rivendita” posti letto; Maria (Gabriella Silvestri) è la madre che si arrangia pur di sostenere il figlio negli studi; Giorgio (Marco Giustini) è il giovane chirurgo pronto a tutto per farsi notare dal direttore sanitario. E poi c’è Massimo, portato in scena con maestria da Nicolas Vaporidis, che rappresenta il buono, l’ingenuo facilmente influenzabile. Man mano che la trama si dipana, si capirà ancor più che i protagonisti saranno incredibilmente diversi da come erano apparsi fino a quel momento. Una commedia  che potrebbe sembrare un’ironica denuncia  sul ricorrente caso della malasanità, mentre  «L’Operazione» intende soprattutto parlare dei valori e dei limiti dell’uomo. L’amicizia, la solidarietà e la correttezza faranno da contraltare agli atteggiamenti più mediocri e sleali che sono patrimonio del genere umano.

Costo Biglietti: poltronissima da 24 euro; poltrona da 19 euro; galleria da 14 euro.

Prevendita: Teatro Tirinnanzi Piazza IV Novembre Legnano ogni mercoledì, venerdì e sabato 16-19.   

E presso Disco Stores  Galleria Ina, Piazza San Magno 4 – Legnano- tutti i giorni non festivi da lunedì a sabato.

On line: www.melarido.store, www.teatrotirinnanzilegnano.it (senza costi aggiuntivi)

Su www.vivaticket.it (con piccolo costo aggiuntivo per scelta diretta del posto).

Info e prenotazioni: biglietteria@melarido.it  - Telefono teatro-mobile: 331 7189086

ULTIME NOTIZIE

VISUALIZZA TUTTI GLI EVENTI