Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Notte di S. Lorenzo, senza la luna lo spettacolo è assicurato

Tutti col naso all'insù per esprime un desiderio alla vista di una stella cadente. L'appuntamento con la "notte di San Lorenzo" inizia oggi, venerdì 10 agosto, e vedrà il suo culmine tra domenica 12 e lunedì 13 agosto. Secondo gli astronomi dell'Antares Legnano quest'anno l'osservazione del passaggio delle Perseidi «sarà ottimale, vista l'assenza della Luna». 

Come precisano anche gli astronomi dell'Osservatorio Schiaparelli: «Le "Lacrime di S. Lorenzo" sono uno sciame di stelle cadenti quando la terra lungo la propria orbita incontra i detriti dispersi dalla cometa Swift-Tuttle. La loro fama deriva, probabilmente, non dalla loro spettacolarità, bensì da un insieme di fattori: tradizione popolare legata al martirio di San Lorenzo (il 10 Agosto), la celebre poesia del Pascoli, che immortala in versi, "il pianto" del cielo e, non ultimo, forse, quel desiderio che anima la gente, in periodo di caldo estivo e clima di vacanze, di evadere dal consueto e riscoprire, in cielo, qualcosa di nuovo e di antico». 

Per osservare le stelle cadenti non sono necessari i telescopi: «Basta recarsi in luoghi all'aria aperta, avere una buona vista, una comoda sdraio e soprattutto un cielo limpido e tanta pazienza».

ULTIME NOTIZIE

VISUALIZZA TUTTI GLI EVENTI