Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Rugby Sound, più di 45mila persone in 10 giorni di concerti

Ben olltre 45mila presenze alla seconda edizione in salsa legnanese del Rugby Sound. Il festival organizzato dal Rugby Parabiago si è concluso domenica 8 luglio, all'isola del Castello, location che farà da cornice alla manifestazione anche nel 2019, come da convenzione firmata con il Comune di Legnano. I dieci giorni di musica e divertimento con artisti di richiamo hanno accontentato davvero tutti i gusti e tutte le età. 

Dal trio Max, Renga e Nek, che ha riunito ben tre generazioni, al rap di Fabri Fibra e poi di Sfera Ebbasta, con giovanissimi in delirio sotto il palco, al reggae di Ziggy Marley e Alborosie, senza trascurare l'anima più rock, metal e punk del festival, quest'anno rappresentata da Negrita, Lacuna Coil, Ministri e The Hives. Divertimento anche con i Saor Petrol, concerto ad ingresso libero che lunedì sera hanno portato un po' di Scozia a Legnano.

Quest'anno è stato dato spazio anche alla dance con la serata promossa in collaborazione con il Comune di Legnano che ha portato a Legnano una tappa del Summer Tour del Deejay Time. Fargetta, Molella, Albertino e Prezioso hanno fatto registrare il tutto esaurito sfiorando le  8mila presenze (7.700 la capienza massima dell'area concerti) con l'isola del Castello trasformata in una vera e propria discoteca all'aperto.

Soddisfatti gli organizzatori che tracciano un primo bilancio più che positivo: «Nessuno si è fatto male e per noi questa è la cosa più importante - commenta a caldo Roberto Amboldi, organizzatore,volontario - Abbiamo registrato tra le 45 e le 50mila presenze, qualche migliaia in più rispetto alla scorsa edizione, che aveva chiuso con 45mila presenze. Tutti i concerti hanno avuto successo ed è andato bene anche l'after show per cui ringraziamo Alga che lo ha gestito. Ringraziamo tutti i 200 volontari che hanno lavorato a rotazione contribuendo alla riuscita del festival. Un ringraziamento particolare va poi all'amministrazione comunale di Legnano, non solo perchè ci ha concesso l'area, ma anche per il supporto e la presenza, a tutti gli amici e ai partner, a partire dalla Shining la cui collaborazione è sempre fondamentale».

Non ha avuto gravi conseguenze nemmeno l'episodio dello spray al peperoncino spruzzato durante il concerto di Sfera Ebbasta. Fortunatamente l’ampio spazio ai lati dell’area occupata dal pubblico ha evitato che lo spostamento delle persone più vicine al punto in cui è stato spruzzato lo spray irritante travolgesse quelle ai lati. Una cinquantina di persone sono state controllate dai soccorritori presenti sul posto, prevalentemente per gole e occhi arrossati, ma nessuno comunque è stato portato in ospedale.

ULTIME NOTIZIE

VISUALIZZA TUTTI GLI EVENTI