Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

"Bisagno" su Rai Storia il film presentato a Legnano

Successo e grande interesse da parte del pubblico legnanese, e non solo, che ha partecipato al Centro Parrocchiale San Magno alla proiezione del film-documentario “BISAGNO” dedicato alla resistenza di Aldo Gastaldi “Il primo partigiano d’Italia” come recita la targa della via che porta il suo nome a Genova. Presenti in sala il sindaco Gianbattista Fratus, che si è complimentato per il lavoro con il regista romano Marco Gandolfo, e l’assessore Ilaria Ceroni. E per chi non ha potuto partecipare, domani sera - martedì 24 aprile - il documentario andrà in onda su RAI STORIA alle ore 21:10 proprio alla vigilia della Festa della Liberazione.

La serata, organizzata dall’Associazione de Gasperi in collaborazione con il Centro Culturale San Magno, la Libreria Nuova Terra e l’Associazione Italiana Centri Culturali, è stata anche l’occasione per presentare, in anteprima assoluta in Italia, una novità editoriale: il cofanetto contente il DVD del documentario in versione estesa (67 minuti), proposto con un volume, curato dallo stesso regista ed edito dalla casa editrice Itaca, contente testi inediti come l’intervista alla poetessa Elena Bono, ritenuta dalla critica fra le maggiori scrittrici del secondo dopoguerra e scomparsa solo pochi anni fa (2014).

Il giornalista di Cerro Maggiore, Alessandro Rizzo, ha concluso la serata leggendo uno dei passaggi più toccanti del libro, che ricorda come Bisagno era «Uno che ti guardava dentro, rivelando te a te stesso. No, Elena Bono nei suoi versi su Bisagno non aveva esagerato per nulla: davvero quegli occhi non ti lasciavano più» ed ha augurato a tutti di cercare persone, uomini e donne, così, che abbiano questo sguardo buono, giusto e vero sulla vita e sulle altre persone.

«Aldo Gastaldi detto “Bisagno” fu un comandante partigiano che aveva come prima preoccupazione la tutela dei suoi uomini - ha sottolineato il presidente della De Gasperi, Ivo Paiusco - Un cristiano che sapeva essere autorevole su tutti con l'esempio, grazie all'educazione ricevuta e al rifiuto del primato dell'ideologia sulla persona.»

PROSSIMI APPUNTAMENTI

I prossimi appuntamenti dell’Associazione De Gasperi saranno la presentazione di tre novità editoriali. I primi due appuntamenti in collaborazione con la Libreria Nuova Terra saranno: il 18 maggio con “Fratelli traditi. La tragedia dei cristiani in Siria. Cronaca di una persecuzione ignorata”, sarà presente l’autore Gian Micalessin, reporter di guerra; il 29 maggio sarà la volta di “La casa nella pineta. Storia di una famiglia borghese del Novecento”, anche in questo caso sarà presente l’autore Pietro Ichino, avvocato giuslavorista e già senatore della Repubblica Italiana. Infine, il 13 giugno presentazione di “Dov'è Dio? La fede cristiana al tempo della grande incertezza” una conversazione tra il vaticanista Andrea Tornielli e don Julián Carrón che parte da una grande provocazione:Si può ancora incontrare Dio nella "società liquida"? Interverrà Fausto Bertinotti, presidente Fondazione Cercare Ancora. Maggiori informazioni si potranno trovare sulla pagina FB dell’Associazione De Gasperi, dove sono pubblicati anche alcuni video degli incontri più recenti.