Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

riLegnano si chiama fuori

Qui sotto il video dell'assemblea, ripreso dalla pagina Facebook di riLegnano


Tra i tanti dubbi di questa campagna elettorale, una certezza. Sulla scheda elettorale delle Comunali 2017 non ci sarà il simbolo di riLegnano, la lista civica che, nel 2012, con 1.313 (5,85%) aveva contribuito al successo della coalizione guidata da Alberto Centinaio. Quel sindaco tanto apprezzato, oggi invece tra le cause principali dell'abbandono della scena politica. 

Decisione non facile quella adottata stasera al Centro Il Salice. Decisione discussa vivacemente e con passione. Tra i più contrari al documento del coordinamento, presentato da Roberto Casero, Chiara Bottalo attuale assessore alla Pubblica Istruzione, Francesca Raimondi già assessore alla Cultura, Carlo Penati, cui si sono uniti Gian Piero Colombo assessore ai servizi sociali e Carla Mondellini presidente di Insieme per Legnano. Per tutti, una decisione, quella di lasciare la politica attiva, ingiustificata perchè senza una ragione... politica. 

Soltanto 16 gli iscritti presenti all'incontro, con 9 voti a favore del documento (compresi i tre attuali consiglieri comunali), 6 contrari e un astenuto.

Con la votazione, riLegnano ha deciso:

- di non presentarsi alle prossime elezioni amministrative

- di non partecipare attivamente alla prossima campagna elettorale

- di attribuire un nuovo ruolo all'Associazione nella vita politica cittadina, creando eventi, studiando progetti, elaborando proposte da sottoporre alla prossima amministrazione.

Basterà quest'ultima volontà per non parlare di "funerale" della lista civica? E' un'altra scommessa sulla quale stasera in pochi, così ci è sembrato, se la sentono di fare previsioni.


Così le elezioni comunali nel 2012

(Marco Tajè)