Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Pordenone batte Legnano 2milioni a 45mila euro

"La campagna di equity crowdfunding Pordenone 2020 si è chiusa! Grazie all’apporto di 254 investitori è stata infatti raccolta la cifra di 2.274.502 €, che ha fatto di Pordenone 2020 la seconda campagna di equity crowdfunding più grande mai realizzata in Italia", Coì, oggi, giovedì 20 giugno, il sito "The Best Equity", piattaforma di equity crowdfunding autorizzata da Consob con sede a Legnano, ha annunciato il risultato convinti che questo progetto "sia uno strumento giusto per tutte quelle società sportive che si trovano a dover combattere con la difficoltà di reperire risorse".

Siamo felici, emozionati ed orgogliosi - il commento dei responsabili - .Questa era la nostra prima campagna, e abbiamo iniziato alla grande: mai era stata pensata una raccolta di equity crowdfunding per una società sportiva. Noi di The Best Equity, insieme agli amici del Pordenone, abbiamo creato un precedente importantissimo e aperto una strada sulla quale abbiamo intenzione di continuare a camminare".

     L'attualità, oggi, propone un inevitabile paragone con quanto sta accadendo al Legnano Basket, dove in una quindicina di giorni sono stati raccolti 45mila euro, grazie a 53 sostenitori, con una media di 850 euro a donazione (contro quella di 8.900 euro, a Pordenone, città di 51mila abitanti).

Una evidente disparità di risultato che espone le capacità economico-finanziarie del nostro territorio a una buciante sconfitta, nonostante il Milanese sia sempre stato considerato tra i più poduttivi ed imprenditoriali dell'Alta Italia. Se poi aggiungiamo che tra i soci di  "The Best Equity" figura Marco Tajana, presidente del Legnano Basket, e quindi assolutamente promosso nella gestione di un progetto di raccolta fondi in ambiente sportivo, non si può proprio affermare che l'insuccesso legnanese possa essere attribuito a errori nella gestione dell'intera operazione "In Knights we trust", E' stata soprattutto la base che non ha saputo/potuto rispondere in maniera adeguata alle necessità della società biancorossa.

(Marco Tajè)