Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Viale Gorizia, imprenditori coraggio riaprono l'edicola

Non solo edicole che chiudono. In viale Gorizia, il chiosco che si affaccia sulla piscina comunale è tornato a vivere grazie al coraggio e all'intraprendenza di Francesca e Massimiliano. I due imprenditori legnanesi hanno rilevato l'attività, rimasta chiusa per oltre un anno, lo scorso ottobre accettando «una sfida, difficile e faticosa, ma appassionante al tempo stesso». 

«Qui intorno hanno chiuso diverse edicole - spiega Massimiliano -: i clienti della zona si rivolgono pertanto al nostro punto vendita. I giornali si vendono ancora, in media una sessantina al giorno, anche se la crisi dell'editoria è in corso e l'età degli acquirenti si è alzata: chi acquista il quotidiano ha tra i 40 e i 65 anni e non c'è ricambio tra i giovani che non hanno più l'abitudine di leggere i giornali se non spinti dalla scuola. Vanno sempre le riviste, in particolare quelle legate a Tv , cucina e gossip, così come i fumetti, che vengono acquistati soprattutto dagli adulti». Gli scaffali sono stracolmi di riviste specializzate, mensili di musica, motori, politica: «Abbiamo imparato a conoscere i gusti dei nostri clienti per organizzare gli ordini - spiega il titolare -, per non deludere nessuno ma anche per non avere troppi resi a fine mese. In edicola oggi si trovano anche giochi per bambini e stiamo pensando di aprirci anche al settore della cartoleria per offrire articoli per gli studenti delle scuole del quartiere»

Quello dell'edicolante è un lavoro faticoso: «Si inizia alle 6 di mattina e si finisce tardi la sera. Nemmeno la domenica mattina si riposa e quello che resta in "tasca" non è molto - spiega Massimiliano, che prima lavorava per un'importante azienda del settore pubblicitario -. Senza passione per questo lavoro, sarebbe difficile andare avanti». E Massimiliano e Francesca di passione ne hanno da vendere. 

(Valeria Arini)