Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

“Scegli professionisti in ordine”: al via la campagna dei Commercialisti di Busto Arsizio

La figura del commercialista è fondamentale in tempi in cui situazione economica, scenario competitivo, fisco e normativa rendono sempre più complesso il rapporto di cittadini e imprese con le amministrazioni dello Stato e, in generale, con il mondo economico.

Per questo l’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Busto Arsizio dà il via alla campagna informativa “Scegli professionisti in ordine”, per sensibilizzare sull’importanza di rivolgersi a un professionista iscritto all’Ordine per servizi e consulenza in ambito aziendale, societario e fiscale.

«Scegliere un commercialista iscritto all’Ordine comporta per i cittadini una serie di vantaggi – spiega la presidente dell’ODCEC di Busto Arsizio Paola Castiglioni –, in primis l’essere tutelati da errori, controversie e danni. Questo perché un commercialista iscritto all’Ordine, oltre ad avere ricevuto un’adeguata formazione, è anche sottoposto a meccanismi di controllo che garantiscono la correttezza del suo operato e, in caso sorgano problemi, offrono garanzie al cliente».

Per potersi iscrivere all’Ordine un commercialista deve sostenere un tirocinio e superare un esame di Stato. La formazione professionale continua è obbligatoria, così come la stipula di un’assicurazione RC professionale che tutela il cliente in caso di errori o contenziosi.

Gli iscritti all’Ordine sono tenuti inoltre al rispetto di un codice deontologico e sono sottoposti al giudizio di un Consiglio di Disciplina in caso di azioni non corrette. «Insomma – prosegue Castiglioni – il commercialista “in ordine” è un professionista “doc”, competente e autorevole, capace di garantire ai propri clienti una consulenza qualificata. Bisogna diffidare da chi, senza averne titolo, si improvvisa in qualche modo consulente e si mette sul mercato, magari a prezzi stracciati, per poi seguire persone o imprese in maniera imprecisa o addirittura scorretta, arrecando quindi un danno».