Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

“Rispetto per il lavoro, la democrazia e la Costituzione”

Una delegazione del Ticino Olona ha partecipato alla manifestazione nazionale della Cgil del 17 giugno, sul tema del rispetto per il lavoro, la democrazia e la Costituzione.

«Il Governo e il Parlamento hanno dimostrato di temere il voto dei cittadini e la discussione diretta nei paesi, tra la gente, sul tema della precarietà e dell’incertezza quotidiana del lavoro - scrive la CGIL Ticino Olona in una nota stampa -  Hanno abolito i voucher per evitare il referendum ed, esattamente nei giorni in cui si sarebbe dovuto votare, li hanno reintrodotti per decreto e con voti di fiducia, evitando il confronto con il sindacato ed impedendo di fatto ai cittadini di esprimersi. La Cgil si rivolgerà alla Corte Costituzionale, continuerà le iniziative a sostegno della Carta dei Diritti Universali del Lavoro.

La Carta dei Diritti Universali del Lavoro è la proposta di legge di iniziativa popolare che prevede la riscrittura semplificata del diritto del lavoro in nome di un principio di uguaglianza che travalichi le decine di forme e tipologie di assunzione esistenti. Propone le tutele ed i diritti universali per tutti, non solo per i subordinati pubblici e privati, ma anche per tutta la galassia dei lavoratori parasubordinati, veri o finti autonomi, per i professionisti e atipici, flessibili, precari, discontinui. Propone anche la valida alternativa ai voucher per i casi di lavoro occasionale per famiglie, studenti e pensionati. La Cgil Invita i cittadini a sostenere le prossime iniziative ed a firmare la petizione nelle sedi cgil o via web: www.schiaffoallademocrazia.it»