Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Droga "in volo" dalla Spagna a Malpensa, cinque arresti

Cinque persone arrestate e oltre 200 chili di droga sequestrati tra hashish e marijuana: è questo il bilancio dell'operazione “Paquete expreso” (ossia spedizione espressa) della Guardia di Finanza di Malpensa. Tutte sostanze stupefacenti "atterrate" per l'appunto all'aeroporto, quelle sequestrate, e provenienti, prevalentemente dalla Spagna, che avrebbero dovuto essere smerciate anche nell'Alto Milanese. 

L'indagine effettuata dalle Fiamme Gialle ha permesso di sgominare un’associazione per delinquere dedita al traffico internazionale di stupefacenti. L'attività investigativa per risalire ai responsabili dell'organizzazione è iniziata a settembre 2017. I finanzieri in questo contesto avevano già sequestrato 200 chili di hashish e marijuana, in arrivo prevalentemente dalla Spagna.

INIZIO DELLE INDAGINI - L'operazione ha preso il via quando i cani antivaluta e antidroga del Gruppo Malpensa hanno controllato un soggetto in arrivo da Barcellona, trovato in possesso di somme di denaro e ricevute di spedizioni indirizzate a persone inesistenti. Quei pacchi, immediatamente controllati, contenevano circa 40 chili di sostanze stupefacenti. Ad indagare, insieme ai militari varesini diretti dell’Autorità Giudiziaria, anche la Direzione Distrettuale Antimafia di Milano.

Le operazioni sono risultate particolarmente complesse, dal momento che il sodalizio indicava come destinatari dei pacchi nominativi fittizi e, talvolta, monitorava i carichi anche con rilevatori di posizione GPS occultati all’interno delle spedizioni. 

L'ORGANIZZAZIONE - L'associazione criminale è risultata composta da cittadini italiani e stranieri, con basi logistiche nelle province di Varese e Milano, in grado di importare ingenti quantità di sostanze stupefacenti, “contrabbandate” attraverso spedizioni di merci lecite o tramite corrieri espressi. La droga veniva poi commercializzata nelle province di Como, Varese, Milano, Monza Brianza, Bologna e Vicenza in partite attraverso apposite reti di spaccio sul territorio. 

In tutto, sono state ricostruite spedizioni riconducibili alla compagine criminale per circa 700 kg di sostanze stupefacenti.

ARRESTI - Al termine dell'operazione sono stati tratti in arresto in flagranza di reato 5 responsabili, sequestrati 120 Kg di marijuana, 80 kg di hashish e rinvenuti 130.000 euro a seguito di controlli valutari. Allo stato è stata eseguita l’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di due soggetti di nazionalità italiana, mentre gli altri tre destinatari (2 italiani ed 1 venezuelano) sono attualmente ricercati in territorio estero. 

(Gea Somazzi)