Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Prima domanda «le posso pulire il vestito?», poi la palpeggia

«Le posso pulire il vestito?». È il pretesto utilizzato da un 20enne per palpeggiare un'impiegata di 35 anni in prossimità della stazione di Busto Arsizio.

La vicenda è stata denuciata dalla vittima (venerdì 16 giugno) permettendo ai Carabinieri di mettersi subito all'opera identificando e denunciando per violenza sessuale il giovane del Congo disoccupato e residente nella provincia di Milano. L'intera vicenda è stata ufficializzata oggi, lunedì 17 luglio, e il presunto maniaco è risultato un pregiudicato, regolare sul territorio nazionale.

Il 20enne, con la scusa di pulirle il vestito da una macchia inesistente, ha iniziato a palpeggiare ripetutamente la 35enne. Un'azione che l'ha reso responsabile del reato di violenza sessuale. La condotta del giovane sarà valutata dall’Autorità GIudiziaria di Busto Arsizio.

(Gea Somazzi)