Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Controlli sul Sempione: identificate cinque prostitute

Controlli antiprostituzione lungo il Sempione cinque donne identificate dalla Polizia di Stato di Busto Arsizio. L'operazione è scattata durante la notte, tra mercoledì 17 e giovedì 18 maggio, e ha visto scendere in campo le volanti del Commissariato, affiancate dai colleghi del Reparto Prevenzione Crimine per la Lombardia e da agenti del comando cittadino della Polizia Locale.

Al termine del servizio gli agenti hanno accompagnato negli uffici di via Ugo Foscolo cinque donne, tutte cittadine nigeriane di età compresa tra i 40 e i 19 anni.

Terminate le operazioni di identificazione tramite le impronte digitali e i successivi accertamenti, una delle fermate, residente a Busto Arsizio e titolare di carta di soggiorno, è stata rilasciata con una denuncia per non avere esibito i documenti identificativi.

Delle altre quattro, una è risultata irregolare in Italia e, dopo essere stata denunciata per il reato di immigrazione clandestina e per la mancata esibizione dei documenti, è stata espulsa. Quanto alle ultime tre è emerso che in tempi e luoghi diversi – rispettivamente Lodi, Reggio Calabria e Bologna - avevano presentato domande di asilo politico. A loro è stato notificato il divieto del Questore di Varese di tornare a Busto Arsizio per tre anni, con foglio di via obbligatorio per i comuni ove hanno dichiarato di essere domiciliate. 

La loro condizione, inoltre, è stata segnalata alle Questure che hanno ricevuto le istanze di protezione internazionale per valutare la compatibilità con il beneficio richiesto e la credibilità delle vicende narrate a sostegno della richiesta di aiuto.

Analoghi servizi verranno ripetuti anche in futuro parallelamente ad attività investigative finalizzate all’identificazione di eventuali sfruttatori, come già accaduto con l’indagine condotta dal Commissariato e dalla Procura della Repubblica e conclusa nel settembre 2016, per la quale andranno prossimamente a giudizio 14 persone, variamente accusate di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e sfruttamento della prostituzione esercitata proprio da donne nigeriane.

(Gea Somazzi)