Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Giornata dell'uomo, Parabiago premia due papà e regala fiori

Il 19 novembre è la giornata internazionale dell'uomo. Anche Parabiago, da quest'anno, ha voluto celebrarla. E per farlo ha deciso di premiare due uomini che si sono distinti particolarmente in ambito familiare: due papà che hanno dovuto affrontare un lutto terribile come quello della morte della moglie e crescere da soli i loro bimbi. A tutti gli uomini che si sono recati in Comune oggi, invece, è stata donata una gerbera arancione.

I DUE PAPA' SPECIALI PREMIATI - I due parabiaghesi premiati sono Andrea Garofalo e Andrea Toietta. Andrea Garofalo ha perso la compagna dieci anni fa per via di un melanoma. Da allora cresce da solo il figlio Alessandro, oggi 13enne e campione di ginnastica artistica. La forza che lo ha supportato nei momenti più dolorosi e che ancora oggi lo sostiene, è la Fede che lo aiuta a dare un senso alle sofferenze. L'insegnamento che cerca di trasmettere al figlio è che la fatica e il dolore sono comuni ad entrambi e quindi occorre affrontare la vita insieme. Andrea Toietta, invece, ha perso la moglie nove anni fa, quando sono nati i loro tre bambini: Eleonora, Emanuele e Davide. Il dolore, ovviamente, è stato immenso. Crescere tre gemelli da solo è stata una vera sfida, in cui Andrea ha avuto la fortuna di avere accanto tutta la famiglia.

"ABBATTERE GLI STEREOTIPI" - Il cuore della giornata, secondo il neo assessore Barbara Benedettelli, che ha proposto l'iniziativa, è quello di abbattere gli stereotipi sugli uomini. In primis quello dell'uomo come violento, incarnato solo da una minima parte del genere maschile e controbilanciato da milioni di padri, compagni, fratelli, figli, colleghi e conoscenti che invece sono in grado di amare. In secondo luogo, poi, l'idea dell'uomo duro, del macho che non può avere fragilità o parlare apertamente dei propri sentimenti. «In Italia si registrano 4mila suicidi l'anno, la maggioranza sono uomini - ha ricordato l'assessore - Credo che ci debba essere una riflessione su questi dati e sul perché la fragilità che ha un uomo non viene riconosciuta o sul perchè gli uomini, con lo stereotipo della virilità, fanno ancora fatica a chiedere aiuto e parlarne».

«L'uomo ha le medesime fragilità della donna - ha ribadito il sindaco Raffaele Cucchi -. Quando si hanno esempi positivi come i due papà che oggi premiamo è importante metterli in evidenza e dare loro visibilità, anche per i più piccoli. Crescere i figli e andare avanti da soli è davvero una fatica. Parlarne è importante».

(Chiara Lazzati)