Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Colpo alla 'Ndrangheta a Garbagnate, in Lombardia 3mila i beni confiscati

L'assessore regionale alla Sicurezza, Immigrazione e Polizia locale, Riccardo De Corato, ha espresso
soddisfazione per l'operazione della Direzione anticrimine della Questura di Milano relativa al sequestro di beni per 3 milioni di euro, a Garbagnate Milanese, ad un esponente della
criminalita' organizzata.


«Ad oggi - ha detto l'assessore - secondo l'ANBSC (Agenzia Nazionale per l'amministrazione e la gestione dei beni sequestrati e confiscati alla criminalita' organizzata), in Lombardia sono 1.839 i beni sequestrati dati in gestione e 1.146 quelli destinati. Nel 2018 sono stati destinati 59 immobili e
un'azienda
. Si tratta di numeri importanti che devono farci riflettere. Basti pensare, ad esempio, che sono stati dati in gestione 499 appartamenti, 49 ville, 106 abitazioni indipendenti. Una vera e propria immobiliare di grandi dimensioni
».

IN REGIONE PIATTAFORMA PER GEOLOCALIAZZIONE BENI - «Abbiamo creato in Regione Lombardia - ha concluso De Corato - una piattaforma per la geolocalizzazione di tutto questo patrimonio a disposizione di Prefettura ed enti pubblici. L'obiettivo è quello di fornire un quadro più preciso possibile. Non possiamo abbassare la guardia. L'infiltrazione mafiosa è come un cancro, va debellata prima che colpisca il nostro tessuto produttivo sano»

Intanto a fine ottobre, a Reescaldina, riaprirà i battenti L'Osteria Sociale La Tela nel bene confiscato alla criminalità organizzata.

Di seguito la mappa dei beni confiscati nell'Alto Milanese