Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Latitante varesino arrestato a Madrid, ad incastrarlo il profilo social

Antonio Grieco, latitante con numerosi precedenti penali, irreperibile in Italia dall’11 febbraio 2015 è stato arrestato ieri, giovedì 18 luglio, a Madrid. Ad incastrarlo il suo profilo Facebook.

Il giovane di origine varesine, che compirà trent’anni a fine luglio, si era reso responsabile di numerosi reati - compiuti nelle Province di Varese, Milano, Torino e Asti - tra cui ricettazione, evasione, resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamento aggravato, rapina aggravata, lesioni personali aggravate, minaccia aggravata, oltraggio a pubblico ufficiale ed era stato condannato dal Tribunale di Asti a scontare, in via definitiva, una pena di oltre 5 anni di reclusione. Nel 2015, mentre era sottoposto alla pena alternativa alla detenzione nella Comunità per tossicodipendenti “Exodus” di Casale Litta, venuto a conoscenza di essere ricercato dai carabinieri che dovevano eseguire nei suoi confronti un nuovo ordine di carcerazione, era fuggito in Germania.

I carabinieri della Compagnia di Gallarate, che in questi anni non hanno mai smesso di cercarlo, si erano subito attivati per catturarlo, effettuando anche numerose perquisizioni domiciliari. Le indagini hanno permesso ai militari di scoprire il suo profilo Facebook ed intuire che probabilmente l’uomo aveva trovato rifugio nella penisola iberica.

Grazie all’emissione del Mandato di Arresto Europeo da parte del Tribunale di Asti ed alla determinante collaborazione del Servizio di Cooperazione Internazionale di Polizia – Direzione Centrale di Polizia Criminale, che ha diramato e coordinato le ricerche in area Schengen, il catturando è stato rintracciato ieri dalla polizia spagnola nella città di Madrid, dove si trova ora in stato di arresto, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria spagnola, in attesa dell’estradizione in territorio italiano.