Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Cala il sipario su "La fabbrica dei sogni"

Dopo 21 anni la compagnia teatrale “La fabbrica dei sogni” cessa l’attività. Presente in Lombardia, dove ha realizzato numerose rappresentazioni in grandi teatri come il “Carcano” di Milano, il “Sociale” di Como, il “Delle Arti” di Gallarate, il “Galleria” e il “Tirinnanzi” di Legnano, il “Sociale” di Busto Arsizio e in teatri della provincia di Bergamo e  Lecco, per anni si è esibita anche al Teatro “ Politeama” di Genova.

«Nata a Milano con attori che già recitavano da anni - commentano i fondatori - è stata fondamentalmente una Compagnia di Legnano, dove aveva la sua sede operativa e il deposito delle attrezzature sceniche. Qui si è fatta conoscere dal grande pubblico, che l’ha sempre apprezzata». 

«I suoi spettacoli - proseguono - sono stati tutti per beneficenza ed ora che il sipario è calato definitivamente la Compagnia ha voluto distribuire quanto rimasto nella cassa ad Enti senza fini di lucro. Anima di questo gruppo teatrale è stata la nostra concittadina Mimma Basile, che ha rivestito il ruolo sempre di prima attrice, regista, autrice di molti dei testi rappresentati. Insieme a suo marito, Antonio Vinci e a Sergio Toffolon, è stata il  punto di riferimento, la vera realizzatrice di questa splendida esperienza. Come ha sempre ripetuto alla fine di ogni spettacolo, per Mimma Basile il fine delle sue rappresentazioni è sempre stato quello di far passare due ore di serenità e di buonumore ai propri spettatori, fra l’altro facendo della beneficenza. Ma il teatro è una “malattia” che ti porti appresso tutta la vita. Ora Mimma Basile accrescerà ulteriormente  la sua esperienza teatrale insegnando all’Università della Terza Età a Legnano e dirigendo la Compagnia teatrale degli Istituti Vinci a Gallarate. Qui, infatti, da anni è presente il Progetto “Educazione alla teatralità”, un percorso ricco e articolato; una disciplina che fa parte del Piano di studi del Liceo Linguistico, con la supervisione del prof. Gaetano Oliva, docente di Scienze della Formazione dell’Università Cattolica. Ora si tratterà di portare in scena in modo tangibile quanto appreso durante le ore di lezione».