Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Enel sole cita in giudizio Cerro Maggiore

Un prezzo di riscatto troppo basso. E quindi Enel Sole cita in giudizio il Comune di Cerro Maggiore. Nel 2014 l'ente aveva riscattato i pali della luce del territorio, pagandoli circa 400mila euro. Una cifra nata dalla stima di tecnici e uffici. E che la società dell'illuminazione ha ritenuto non congrua. Da qui la richiesta di altri 400mila euro.

Dopo la citazione in giudizio arrivata al Comune il 12 giugno 2019, l'ente ha deciso di affidarsi ad un legale per difendere i suoi interessi.

L'amministrazione guidata da Nuccia Berra è già alle prese con altre tegole che pesano sul bilancio: la questione piscina, per 1,6 milioni, e la vicenda relativa all'esproprio del terreno di via Boccaccio, per la quale lo Stato italiano - condannato dalla Corte europea per i diritti dell'uomo - ha fatto rivalsa sul Comune per 2,5milioni.

(Chiara Lazzati)