Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Musica e disegno per combattere l'Alzheimer

Momenti ludici per contrastare l'alzheimer. Sono iniziati gli incontri che vivacizzeranno i lunedì e i mercoledì di diversi malati legnanesi rimasti in città in questi caldi mesi estivi. Gli appuntamenti di “stimolazione cognitiva”, per tenere in allenamento la mente, sono stati organizzati dall'associazione "A per non dimenticare" di Legnano, impegnata sul territorio dal 2009. Il servizio resterà attivo sino alla fine di luglio.

«La musica e il disegno aiutano i malati a rallentare il corso della malattia - afferma il presidente dell'associazione Laura Viganò (nella foto con alcune volontarie) -. Sono attivitá terapeutiche che l’ammalato svolge accanto al proprio familiare».

I due incontri settimanali della durata di circa due ore, dalle 10 alle 12, quest'anno sono accolti dal The Mode estivo che ha messo a disposizione in modo gratuito lo spazio proprio per quest'iniziativa. Una trentina i legnanesi che partecipano agli incontri, anche se la richiesta è in crescita. Ma come sottolinea Viganò «non abbiamo la possibilità di rispondere a tutte le richieste che ci arrivano. Facciamo del nostro meglio».

L'associazione è animata da una decina di persone tra volontari e professionisti. A collaborare anche la nota neurologa Patrizia Perrone e la geriatra neurologa Carla Pettenati.

La vergogna provata dai famigliari resta la barriera più difficile d'abbattere, secondo la presidente Viganò: «Non è il malato che tende a nascondersi evitando di chiedere aiuto, ma sono i suoi familiari. Resta quindi importante la continua diffusione di una cultura della malattia, perché i cittadini siano consapevoli del forte impatto socio-economico e sanitario, delle problematiche assistenziali ed infine del vissuto in termini di sofferenza fisica e psicologica che coinvolge i malati e le loro famiglie».