Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Sisma 2016: l'agriturismo di Scai riapre grazie ai legnanesi

L'agriturismo "La Grotta" di Scai, frazione di Amatrice devastata dal terremoto di due anni fa, è pronto a ripartire grazie anche all'aiuto spontaneo ma molto concreto di un gruppo di legnanesi.

Il legame con la famiglia che gestisce l'attività ricettiva nella piccola comunità montana è nato quasi per caso: «Era gennaio e stavo navigando su Facebook quando mi sono fermata a guardare la foto di una finestra ghiacciata: sotto c'era il letto di un bambino. Ho preso contatti con queata persona, ho chiesto di cosa avesse bisogno e, dopo poco, è arrivata la richiesta di mandare cibo - racconta Nadia Ubbiali, titolare del bar "coffee Hour Nadia e Tony" in corso Sempione a Legnano -. Ho chiesto ad alcune amiche di contribuire con una piccola quota e l'idea era quella di fargli avere un pacco con alcuni generi alimentari. In pochissimo tempo la voce si è diffusa tra vicini, parenti, amici, semplici cittadini e i pacchi si sono moltiplicati fino a riempire un Ducato con i beni di prima necessità che abbiamo portato personalmente a Scai, distribuendoli alla famiglia con cui ero in contatto, proprietaria di un agriturismo crollato durante il sisma, e al resto della popolazione della frazione, isolata e abbandonata da tutti». 

Da quella prima spedizione il legame tra la famiglia del piccolo paese laziale e quella di Nadia e di chi ha risposto alla richiesta di aiuto è diventato sempre più forte. Oltre a generi di prima necessità, sono state donate le attrezzature da lavoro: martelli, trapani, carriole, una motosega, un compressore e altri mezzi ancora per fare ripartire l'agriturismo, con ristorante "La Grotta", crollato e reso inagibile dal sisma.

QUELLO CHE ANCORA SERVE - A distanza di due anni, lo stabile è stato ricostruito in legno antisismico e quest'estate potrà già accogliere i primi clienti. All'appello mancano ancora materiali per allestire la cucina, in parte già donati dai legnanesi che lo scorso 17 giugno hanno raggiunto nuovamente Scai con una macchina piena di tovaglie, tovaglioli e attrezzatura per il ristorante: «Grazie di cuore a chi ha contribuito anche questa volta ad aiutare "La Grotta"», è il sentito ringraziamento postato su Facebook dai proprietari dell'agriturismo. Ma c'è ancora bisogno di tanto aiuto e chiunque volesse contribuire donando ciò che ancora serve per la cucina (pentole, mixer, trita pepe, mestoli, passa verdure, spaghettiere, formaggere, brocche, schiaccia patate, bicchierini e cucchiaini da caffè ....) può farlo scrivendo al gruppo facebook "Ricostruiamo la Grotta Amatrice"  o rivolgersi direttamente al bar "Coffee Hour" di Corso Sempione 201.