Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Treni, il M5S chiede fermate straordinarie contro i tagli estivi

Dopo l'intervento del PD, anche il Movimento 5 Stelle in campo a fianco dei pendolari in vista delle modifiche previste da Trenord per orari e percorsi estivi. A causa di lavori infrastrutturali, infatti, i treni diretti provenienti da Varese, che solitamente terminano la propria corsa a Milano, interromperanno invece la loro corsa alla stazione di Rho, lasciando a disposizione di chi viaggia, con due uniche eccezioni, solamente i treni passanti

       I pentastellati, quindi, tramite il consigliere regionale Massimo De Rosa, hanno chiesto al direttore del servizio ferroviario regionale della Lombardia e al presidente del Consiglio regionale «un chiarimento circa le motivazione della riduzione dei servizi regionali da Legnano e se è stata valutata con Trenord la possibilità di consentire la fermata a Legnano di alcune corse della Domodossola - Milano, almeno nelle ore di punta»

«Mi auguro che Trenord e Regione Lombardia rivedano questa decisione e inseriscano la fermata di Legnano anche per alcune corse dei treni regionali che ad oggi fermerebbero invece solo a Busto Arsizio - commenta il deputato pentastellato legnanese Riccardo Olgiati -. La stazione di Legnano è una delle più frequentate della Lombardia. Sappiamo che il mondo del lavoro non è più quello di una volta, in cui con il mese di agosto coincideva la chiusura pressoché totale delle imprese: oggi agosto è a tutti gli effetti un mese operativo quasi tanto quanto gli altri per moltissimi cittadini che da Legnano e dai comuni limitrofi usano la stazione, per questo motivo chiediamo una risposta a Regione Lombardia e ci auguriamo che si possa rivedere una situazione che potrebbe portare a grossi disagi per i pendolari, in una tratta che sappiamo già essere non poco problematica».

(Leda Mocchetti)