Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Apre la porta di casa e sorprende due scassinatrici all'opera

Apre la porta e sorprende due ladre intente a scassinare la serratura della sua casa. Sono state rintracciate e arrestate le due furfanti che nei giorni scorsi hanno tentato un colpo nel condominio di via General Biancardi a Busto Arsizio

Tutto è iniziato quando la vittima ha chiamato il Commissariato della Polizia di Stato di via Foscolo segnalando di aver sorpreso due donne che, dopo essersi aggirate nel cortile comune, si erano dirette sul suo pianerottolo armeggiando sulla porta di ingresso del suo appartamento. Non avendo ben compreso cosa stesse accadendo, la cittadina ha aperto la porta e le due, evidentemente sorprese che vi fosse qualcuno all’interno dell’abitazione, dopo aver farfugliato qualche scusa si sono allontanate velocemente.

I poliziotti, grazie alla minuziosa descrizione fatta dalla donna, un’ora dopo hanno rintracciato in via XX Settembre le furfanti. Le due donne, prive di documenti, sono state accompagnate in Commissariato e perquisite: all’interno delle loro borsette sono stati rinvenuti tre cacciaviti e una chiave inglese.

Dalle impronte digitali si è poi risaliti alla loro vera identità: si tratta di una 23enne e una 27enne di origini nomadi con numerosi precedenti per reati contro il patrimonio e in particolare per furti in abitazioni in varie città italiane. Nei confronti della maggiore è anche emerso un ordine di carcerazione emesso lo scorso novembre dalla Procura della Repubblica di Milano, dovendo scontare 4 anni e 9 mesi di carcere per vari furti.

Dopo aver denunciato entrambe per tentato furto in abitazione e possesso di arnesi atti allo scasso, i poliziotti hanno arrestato la latitante e l’hanno condotta in carcere a Como per scontare la condanna definitiva.