Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Pero e il Cpia di Legnano alleati per la formazione degli stranieri

Il Comune di Pero alleato con il Cpia di Legnano per diventare un punto riferimento per la formazione di adulti di origine straniera. Per il secondo anno di seguito sono stati organizzati i corsi statali di italiano L2 che termineranno a giugno. Per il momento resta bassa la percentuale degli scritti rispetto alla presenza di stranieri sul territorio di Pero. E l'organizzazione sta cercando una nuova sede per effettuare le lezioni. 

Come precisa l'Amministrazione la collaborazione con il Cpia è nata «soprattutto per rispondere alle esigenze dell'utenza straniera che necessita del titolo di conoscenza della lingua italiana livello A2, indispensabile per ottenere il permesso di soggiorno di lunga durata».

Nello specifico quest'anno scolastico sono stati attivati due corsi collocati la mattina e nel primo pomeriggio.

Il primo corso mattutino (Livello A1) si è concluso il 13 marzo di quest’anno e ha visto la partecipazione di 13 donne egiziane, una marocchina, una indiana, una slovacca e uno studente indiano. Di questi studenti 11 sono stati ammessi al livello successivo. Nella fascia pomeridiana è stato attivato un corso di Livello A1 nel mese di novembre con 15 iscritti. Di questi, a causa della frequenza discontinua e degli impegni, 7 sono stati ammessi al test di febbraio e 5 hanno conseguito l’attestazione di conoscenza della lingua italiana di livello A2.

Nel secondo quadrimestre è stato attivato un solo corso di Livello A2 in orario mattutino, frequentato dalle studentesse che hanno concluso il corso A1 a marzo. Gli iscritti sono 17 e, nel mese di giugno, si terrà il test finale. Nel suo complesso l’esperienza è stata giudicata positivamente dalla docente del corso, pur con alcune criticità che devono essere evidenziate.

Il corso ha visto un’ottima collaborazione tra la docente e le altre realtà, rappresentate dagli operatori di Punto Pero e Punto Cerchiate, dalla dirigente scolastica dell’IC di Pero e dalla Caritas.

 «Di fatto risulta scarso il numero di persone che si sono iscritte ai corsi - segnala la docente del corso -. Senz’altro inferiore alle aspettative, nonostante la massiccia presenza di stranieri a Pero. Altro problema è rappresentato dalla pubblicizzazione dei corsi. Ma forse la criticità più evidenziata riguarda la location dei corsi. Infatti la biblioteca di Cerchiate, pur accogliente e dotata di spazio adeguato, crea parecchi problemi per il raggiungimento della stessa da un’utenza debole. La ricerca di un luogo più adatto sarà, quindi, condizione fondamentale per l’avvio dei corsi per i prossimi anni».