Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Elisabetta Cozzi alla 1000 Miglia con la SZ Rosso Alfa

Una legnanese alla 1000 Miglia. Si tratta di Elisabetta Cozzi  titolare con papà Pietro del Museo Fratelli Cozzi.

"Abbiamo accettato con grande emozione l'invito di Zagato a partecipare alla 1000 Miglia con la nostra SZ Rosso Alfa, iscritta a "Zagato Cento", l'evento celebrativo dedicato ai primi 100 anni del prestigioso atelier milanese", spiega Elisabetta alla partenza della prestigiosa corsa per auto storiche.   

        «Gli oltre novanta modelli carrozzati Zagato saliti sulla pedana di viale Venezia a Brescia oggi sono tra i più ricercati dai collezionisti di tutto il mondo – prosegue Elisabetta- . Perché le automobili disegnate da Zagato non furono soltanto vincenti, ma, soprattutto, furono, e sono tutt’oggi, bellissime, per qualcuno le più belle in assoluto. Non per nulla, il DNA di Zagato risiede nell'eleganza sportiva o in quella che in Alfa Romeo è stata definita Bellezza Necessaria».

Elisabetta Cozzi sarà dunque alla guida, sugli oltre 1600 chilometri, dell’Alfa Romeo S.Z. del 1989, completando la selezione della terza generazione delle vetture Zagato Contemporary, realizzate in edizione limitatissima e mai viste insieme.  Le vetture disputeranno una gara nella gara, correndo la 1000 Miglia insieme alle auto d’epoca, condividendo il medesimo programma, seppur con una classifica separata. La partenza da Brescia oggi, mercoledì 15 maggio, per far ritorno in città sabato 18 maggio, dopo aver fatto tappa a Milano Marittima, Roma e Bologna.

«E’ una novità che apre nuovi orizzonti per la corsa organizzata da 1000 Miglia Srl che, oltre a celebrare il Centenario Zagato – conclude Elisabetta - offre l’opportunità di presentare al pubblico una Travelling Collection mai vista in precedenza, con alcuni capolavori dell’automobilismo mondiale».