Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

"Murales sospesi", i writers: "Nè vandali, nè nemici dell'ambiente"

Writers, non vadali, nè nemici dell'ambiente. E' questo il messaggio che vogliono far passare Alessandro (30 anni, di Legnano) e Giovanni (22, di San Giorgio su Legnano), in arte Zoner e Juan. Sono loro i due volti dietro i "graffiti sospesi" che sono comparsi per la prima volta nei giorni scorsi al parco castello di Legnano. E che proprio ieri hanno realizzato altri due CelloGraff nell'area verde della città del Carroccio, vicino alla pista da skateboard e pattinaggio.

I due giovani del Legnanese, che avevano già realizzato un'opera simile a San Giorgio («con tanti complimenti dei residenti») vogliono chiarire i dubbi e le critiche che si sono sollevati intorno alle loro installazioni: i cellograff sono realizzati stendendo pellicola da imballaggio tra due alberi, senza utilizzo di scotch o qualsiasi altro tipo di materiale che aderisce alla pianta, e poi realizzando i disegni con normali bombolette spray. Dopo circa una settimana, così come sono stati allestiti, i cellograff vengono rimossi dai writers e la plastica della pellicola viene gettata. Uno dei due cellograff realizzati al parco castello, però, è stato in qualche modo vandalizzato da ignoti. Alessandro e Giovanni hanno rimosso anche questo "murales sospeso".

I due giovani spiegano di non voler fare nulla di illegale nè che possa danneggiare l'ambiente, ma di desiderare luoghi dove è possibile esprimersi in libertà e migliorarsi.

(Chiara Lazzati)