Questo sito utilizza cookie per le proprie funzionalità, se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Canegrate pensa a un forno crematorio

Un forno crematorio a Canegrate. L'amministrazione guidata da Roberto Colombo sta lavorando per vedere concretizzarsi questa realtà nella cittadina del Legnanese. A collaborare anche Forza Italia. L'idea era già stata annunciata in consiglio comunale in sede di presentazione del bilancio. Ora, infatti, si apre la speranza di vedere il forno realizzato: Regione Lombardia sarebbe in procinto di dare l'ok per nuovi impianti e Canegrate è pronta a presentare la sua candidatura. L'area cimiteriale di via Damiano Chiesa risulta idonea per ospitare il forno crematorio. Già tre anni fa Canegrate aveva presentato la sua richiesta a Regione.

Per ora non esistono ancora certezze sulle date entro cui il Pirellone potrebbe esprimersi sulla questione. Di certo c'è l'intenzione dell'amministrazione comunale di impegnarsi per vedere realizzato il forno: «Secondo noi - commenta il primo cittadino Colombo -, questa sarebbe una cosa assolutamente utile. Sono sempre più le persone che scelgono di farsi cremare». Se mai l'idea dovesse incassare il via libera di Regione, il forno canegratese, nel concreto, potrebbe essere realizzato attraverso un project financing.

Gli impianti di cremazione più vicini, al momento, risultano essere Busto Arsizio, Varese e Trecate. La Lombardia, insieme all'Emilia Romagna e al Piemonte, è una delle regioni d'Italia in cui la pratica della cremazione sta prendendo sempre più piede. Secondo i dati di Servizi Funerari Italiani, infatti, tra il 2013 e il 2016 si è passati dalle 110mila 710 cremazioni alle 141mila 553, con un trend in costante crescita.

(Chiara Lazzati)